Logo ImpresaCity.it

Un Diamante nel gestionale

Semplicità estrema dei prodotti, senza perdere di vista la completezza funzionale, guardando all'innovazione. E' la formula vincente di Diamante, la software house tutta italiana che sviluppa un gestionale per la fascia bassa del mercato. E che ha con Microsofot un rapporto a doppio filo. Ce ne parla Enzo Dalla Pria, Amministratore Delegato della società.

Autore: Barbara Torresani

Diamante in poche battute: come la descrive?
Nata nel 1997, è un'azienda che sviluppa e produce software gestionale per le medio-piccole aziende, le micro-imprese e i professionisti. Un organico di 31 persone, tre sedi distribuite sul territorio: a Verona, la sede centrale; a Catania, dove è concentrata la parte di sviluppo prodotti; a Roma (solo parte commerciale). Un'offerta che si declina principalmente su tre linee di prodotto, oltre 5.000 clienti, un centinaio di partner all'attivo e un fatturato previsto per l'esercizio 2009 nell'intorno dei 3 milioni di euro. Da non dimenticare  la partecipazione del Sole24Ore (al 30%) nella società. 

Se dovesse citarmi una caratteristica distintiva di Diamante?
Avere un occhio molto attento alle tecnologie, non fini e sè stesse, ma applicate, inserite all'interno di processi gestionali. Un esempio. Diamante ha 12 anni di vita. Con una distanza di circa 1.500 chilometri tra le due sedi principali di Verona e Catania, in  tempi ancora non sospetti, si è dovuta organizzare con strumenti on line. Mi riferisco all'utilizzo di sistemi come la videoconferenza, le chat, oggi molto diffusi; per noi sono diventati strumenti di uso comune tempo addietro e questo si è riflesso molto sui prodotti. Tutte le linee di prodotto di Diamante presentano caratteristiche di collaboration. Si tratta di funzionalità che tengono conto del fatto che all'interno di un'azienda le diverse figure presenti devono collaborare tra loro e non sempre si trovano una di fronte all'altra. Diamante può in un certo senso ritenersi un precursore. Quando Microsoft, con cui ha una stretta relazione di partnership, ha lanciato i concetti di collaboration Diamante li aveva già metabolizzati: consentire alle persone di interagire, condividere,  parlare, lavorare in modo collaborativo. Diamante ha coniugato queste funzionalità all'interno di un'offerta  gestionale.

un-diamante-nel-gestionale-2.jpg

E per ciò che concerne l'offerta, quali gli elementi caratterizzanti?
Tutte le linee di prodotto di Diamante hanno caratteristiche che le differenziano in modo sostanziale dai prodotti della concorrenza.
L'offerta societaria copre la fascia bassa del mercato gestionale. I prodotti gestionali italiani che indirizzano questo mercato sono in genre una derivazione di quelli di fascia alta, poco orientati alla piccola azienda. Diamante ha cercato di tirare fuori dal cappello delle caratteristiche differenzianti. In primis, la semplicità; ha puntato molto sul fatto di sviluppare sistemi gestionali di semplice utilizzo. Niente di così originale, ma assolutamente vero. Le basti sapere che Fatturiamo.it, il prodotto  per compilare i documenti contabili, utilizza Word per fare le fatture. La prima versione di DM Professional, è stato il primo prodotto europeo a ottenere la certificazione Office 97, che non significa solo lavorare bene con Office, ma soprattutto avere la stessa interfaccia; vuol dire 'architettare il software' in modo tale da consentire all'utente di 'andare a spasso' sul programma come meglio crede.  

Ha detto che l'offerta si articola su tre linee di prodotto primarie?
Sì. Il prodotto di punta, quello storico è DMT Professional, il gestionale di fascia più alta, che si rivolge ad aziende con un numero di posti di lavoro compreso tra i 5 e i 20-25.
E' un software integrato con Microsoft Office, che consente di gestire l'azienda in maniera globale, permettendo una riduzione dei costi operativi e un reale aumento della produttività.

un-diamante-nel-gestionale-1.jpgUna suite gestionale base completabile da un'ampia gamma di moduli opzionali integrati tra loro e componibili anche nel tempo in funzione delle diverse esigenze di ampliamento aziendale. DMT  conta più di 2.000 clienti e la quota maggiore di fatturato dell'azienda deriva dalle sue vendite: il 90% del fatturato indiretto è ad appannaggio di DMT, il 10% dai restanti prodotti, che realizzano tutto il fatturato diretto.
È un gestionale evoluto; non ha solo la produzione, che non abbiamo intenzione di sviluppare, ed  è disponibile in due versioni: quella classica (licenza  d'uso), e la versione on line

Significa che oltre ai moduli tradizionali ha anche componenti di Business Intelligence e magari di Customer Relationship Management?
Non siamo soliti parlare di Business Intelligence e di Crm anche se,  poi il prodotto esegue operazioni simili. Per esempio, il Modulo Statistiche Avanzate, analizza in tempo reale cosa accade all'interno di un'azienda in termini di vendite, utilizzando strumenti di analisi multidimensionali e grafici sofisticati. Parlare di BI a un'azienda con meno di 10 dipendenti non ha molto senso; però se gli si spiega che con un certo strumento è possibile verificare quanto si è fatto in più in una certa Regione e per quali motivi, allora gli si dà l'informazione corretta. 

E gli altri prodotti?
Fino al 2004 l'azienda è stata monoprodotto.
Poi è stato lanciato Fox One, il prodotto intermedio; è una versione lite di DMT Professional, una sorta di figlio minore, di fascia bassa. È il classico gestionale, con i soliti cinque/sei moduli, che dal punto di vista di offerta commerciale arriva alle tre postazioni di lavoro (l'80% delle vendite sono monoutenze), ha un'interfaccia meno spinta e sofisticata di DMT Professional, non ha servizi on line. Si può dire che è un prodotto senza particolari velleità di crescita; è un buon modo per seminare su DMT. Molte aziende lo acquistano perché costa in media molto meno e non ha un canone di aggiornamento obbligatorio, caratteristica fondamentale. E' poi stata la volta  di Fatturiamo.it, un sistema semplice per la gestione delle fatture. Lo stiamo vendendo a ritmi velocissimi.  Solo il Sole24 l'anno scorso ne ha venduti più di 1.000 copie. Oggi, nell'esercizio 2009, siamo già a 470 licenze vendute.  

Mi spieghi come è concepito?
Abbiamo deciso di calcare la strada dell'on line con DMT nel 2001, verificando i pro e i contro del full on line, cioè di avere un avere un sistema gestionale in remoto. Tra i pro il fatto di non doversi fare carico del problema, i contro i problemi che sorgono quando non si riescono a raggiungere i dati in remoto. Con Fatturiamo.it e Networ24 (la versione per i commercialisti) Diamante ha scelto di seguire il concetto dell'on line, non optando per la formula di full on line, ma dando all'utente la possibilità di lavorare in maniera locale.
La scommessa fatta con Fatturiamo.it  è stata quella di mettere il prodotto direttamente dentro Office, in quanto un gruppo di studio aveva verificato che il prodotto più utilizzato per fare le fatture era Word. Diamante ha quindi sfruttato le caratteristiche di Word, consentendo di fare una fattura all'interno di questo programma. Pensi che lo slogan di presentazione al mercato diceva: "continua a fare le fatture con Word".
La maggior parte delle piccole aziende si affida a un commercialista per la gestione della propria contabilità e nel contempo non dispone di strumenti semplici da usare per fare le fatture e gestire gli incassi dai clienti. Allo stesso tempo anche il commercialista non dispone di strumenti efficaci per recuperare i dati dei clienti o per comunicare con loro in modo più semplice di quanto non accada oggi. 
Diamante è partita all'inizio con Fatturiamo.it, basato su Microsoft Office Word per la gestione dei documenti aziendali e poi l'anno scorso ha lanciato Network24, basato su Microsoft Online Services per la comunicazione e la collaborazione tra l'azienda e il commercialista.
L'insieme della soluzione è composta da quattro componenti, due installati presso l'azienda ed il commercialista e gli altri due online per la comunicazione e lo scambio dati tra le parti: il primo installato presso l'azienda (Fatturiamo.it); il secondo installato presso il commercialista (Network24); il terzo online presso un data center su internet gestito da Diamante (il servizio di scambio dati a cui si collegano azienda e commercialista per lavorare); il quarto online presso il data center su internet gestito da Microsoft  (il servizio di comunicazione tra azienda e commercialista che nello specifico consente ai due soggetti di paralarsi via Voip, di fare dei meeting online condividendo webcam video, documenti, desktop ecc, di fare Instant messaging tra loro, di memorizzare i documenti come back-up, ecc). Presso l'azienda viene installato Fatturiamo.it che usa Word per fare le fatture; il sistema è molto semplice da usare al punto che un qualsiasi utente è in grado di gestire le proprie fatture in meno di 15 minuti dall'istallazione. Nello studio del commercialista viene installato Network24 tramite il quale il commercialista può recuperare in modo automatico le fatture che i suoi clienti hanno compilato con Fatturiamo.it.
I due programmi (Fatturiamo.it e Network24) colloquiano tra loro per tramite di internet sul data center e si scambiano i dati di cui hanno bisogno. 

Qualche applicazione?
Un caso interessante è quello di  Confartigianato di Vicenza, la più grande Confartigianato d'Italia. Una delle maggiori attività dell'associazione è gestire la contabilità dei propri soci ( è come un grande studio di commercialisti che serve le piccole aziende artigiane del Veneto). L'associazione ha 480 dipendenti, più di 20.000 soci e quasi 5.000 contabilità gestite. Stanno usando Fatturiamo.it e Network24 da 1 anno circa su un primo gruppo di 500 clienti pilota ed hanno dichiarato che grazie a Fatturiamo hanno incrementato la loro produttività di quasi il 40% e hanno diminuito il tasso di errori del 20% rispetto prima.

E quindi Microsoft ha un ruolo importante in questo prodotto?
Quando Microsoft ha rilasciato a novembre la suite Business Productivity Online Suite (Bpos), poiché a noi interessava la parte relativa a  Office Communication Online e Office  LiveMeeting, abbiamo inserito in Fatturiamo.it le chiamate alle primitive di Bpos.  

E più in generale, dire Microsoft cosa significa per Diamante?
Una relazione di partnership molto forte. Diamante porta avanti la bandiera Microsoft da tempo. Microsoft ci ha dato molto. Oltre a essere Gold Partner di Microsoft, Diamante è anche un partner di livello superiore, Managed, che significa avere un riferimento diretto in Microsoft. Questo ci dà accesso a una serie di risorse esclusive. 

Dove si dirige l'innovazione?
Il tema su cui si è focalizzata Diamante in termine di innovazione è quello della collaboration. Stiamo portando la tematica all'interno di DMT Professional. E' un lavoro complesso. Pochi giorni fa è uscita una nuova versione del software. La prossima versione, prevista per i primi mesi del 2010 (verosimilmente gennaio) spingerà il tema della collaborazione. Ci sono temi come quello della gestione documentale e della Pec (Posta Elettronica Certificata) che abbiamo provato a proporre, ma non hanno trovato grandi riscontri. Sono argomenti non sentiti da questo tipo di aziende di target. 

Sul fronte del canale distributivo, che tipo di modello adottate con i partner?
Il rapporto di collaborazione con il partner è molto tradizionale e classico. Le relazioni di partnership sono fondamentalmente su DMT Professional. I partner non lavorano con Fatturiamo.it e FoxOne perché hanno deciso che non era la loro strada. Nel 2004 li abbiamo contattati per informarli dei cambiamenti che intendevamo portare avanti in termini di offerta, sposando il modello on line. La stragrande maggioranza di loro non ha aderito al programma. Su un centinaio, ci hanno seguito in meno di 10 partner; questi sono soddisfatti e riportano risultati interessanti.
La figura del partner però deve adeguarsi ai cambiamenti in atto, e trasformarsi di conseguenza.
Al partner offriamo una serie di servizi standard: numerici telefonici, assistenza, formazione, iniziative commerciali (leggasi telemarketing). 

Il fatto di essere all'interno della compagine Sole24Ore cosa significa? Ci sono sovvrapposizioni con le altre realtà partecipate dal gruppo che sviluppano software gestionale?
Diamante si muove in autonomia
. Ha un rapporto ottimo con il gruppo, sinergico. Se si riferisce a relatà come esa, che opera in ambito gestionale, noi non la avvertiamo sul mercato. Secondo le direttive  le strategie fissate non dovrebbe impattare sul business di Diamante.
Pubblicato il: 15/05/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza