Logo ImpresaCity.it

Per Business Objects la Business Intelligence è anche in modalità Asp

Buisness Intelligence OnDemand, la suite completa di funzionalità di BI, distribuite on demand

Autore: Lombardi Cecilia

Le piccole e medie imprese sono la tipologia di aziende più diffuse sul nostro territorio ed è quindi quasi un percorso obbligato rivolgersi ad esse per fare business. La Business Intelligence (BI, per gli addetti ai lavori) invece è una specializzazione del software applicativo che fino a pochi anni fa era a esclusivo appannaggio delle aziende di grandi dimensioni. Oggi la situazione però su questo fronte è molto cambiata, e anche la BI può essere vista dalle aziende di medie e piccole dimensioni come strumento utile per il loro business.

La trasformazione della Business Intelligence da strumento per pochi eletti, quali i kwnoledge worker, a strumento per molti, non è la sola novità in questi ultimi anni.

La Business Intelligence, infatti, è oggi uno strumento integrato, che alla connotazione numerica ha aggiunto anche quella visiva, non è più basata su fonti di dati solo interne, ma è disponibile anche in un network più complesso, a cui sia accede via Internet; inoltre a una visione più orientata all'ottimizzazione dei processi ne affianca una orientata all'ottimizzazione delle performance, ed è anche più in quanto rende possibile il fatto che utenti diversi entrino in contatto con altri per scambiarsi informazioni in un ambiente cooperativo.

Business Objects si è fatto da sempre interprete della BI proponendo una serie di prodotti e soluzioni rispondenti alle principali necessità del settore. Ed è così che ha saputo cogliere in anticipo la necessità di BI delle aziende di dimensioni più ridotte verso le quali si muove oggi in modo sempre più mirato, servendosi della capacità dei partner di canale, con soluzioni ritagliate su misura.

E proprio in questo comparto che rientra la recente novità denominata Buisness Intelligence OnDemand, una suite completa di funzionalità di BI, distribuite on demand.

Dopo il successo ottenuto con crystalreports.comPer-Business-Object-la-Business-Intelligence--anche-in-modalit-Asp-1.jpg (che lanciato nel 2006 oggi conta circa 50 mila iscritti), Business Objects mette in campo la sua esperienza, offrendo ai clienti la possibilità di realizzare i vantaggi della BI senza bisogno di un'infrastruttura in loco. Si tratta di applicare un po' il concetto del photo sharing (condivisione delle foto) su report, e rappresenta un momento di innovazione non banale.

I dati del cliente vanno in modo automatico su un datawarehouse hosted di Business Objects, dove vengono trasformati in informazioni. Il cliente in questo modo è sgravato da costi che derivano dall'acquisto e dalla manutenzione di hardware e non solo.

Altra novità societaria il lancio di Information On Demand, uno store online che fornisce una visione completa delle performance grazie ai dati on demand forniti da terze parti. Si tratta di una modalità per portare in azienda le informazioni provenienti dall'esterno.

Continua nel frattempo il cammino della società nel processo di affermazione sempre più spinta nel mercato dell'Enteprise Performance Management. L'ultima novità in questo campo è Business Objects Epm Xi, una suite integrata per chiusura, forecast e controllo dei costi, che poggia su un modello di dati integrato, dove l'integrazione non avviene solo a livello tecnologico ma anche a livello di soluzioni.

Pubblicato il: 07/10/2007

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud