Logo ImpresaCity.it

Quali saranno le prossime acquisizioni di Ibm?

Ci sono 15 miliardi di dollari pronti da investire, secondo Bloomberg. NetApp, Juniper e Akamai sono possibili obiettivi.

Roberto Bonino

Secondo Bloomberg, Ibm avrebbe previsto di spendere 15 miliardi di dollari entro il 2015 per fare nuove acquisizioni. L’agenzia di stampa ha provato a immaginare alcune potenziali prede, con il supporto di alcuni analisti finanziari.
Diversi nomi sono usciti, a cominciare da NetApp, specialista di storage (Nas e San). Quotata ala Nasdaq, la società ha superato i 6,5 miliardi di dollari di fatturato lo scorso anno. Un altro nome di peso sarebbe quello di Splunk, un software vendor dal valore stimato di 3,3 miliardi di dollari. La propria soluzione di raccolta e analisi dei dati di sistema in tempo reale si integrerebbe perfettamente nel cuore dell’expertise Ibm.
Meno conosciuto è il nome di Imperva, azienda che fornisce soluzioni di sicurezza dei dati per i database, i server e le applicazioni Web. È stato poi citato un altro specialista delle reti e della sicurezza come Juniper Networks, classica realtà hardware-centrica con prodotti diffusi come i router, i gateway Vpn e i firewall.
Un ultimo possibile bersaglio indicato dagli analisti è quello di Akamai Technologies, altra realtà americana specializzata nei server cache, che permette alle aziende clienti di ridurre i costi di consumo della banda. Questa possibile acquisizione andrebbe a rafforzare la strategia cloud di Ibm. Secondo Bloomberg, questa crescita esterna sarebbe indispensabile per Big Blue, che ha visto le proprie vendite aumentare solo dello 0,8% negli ultimi quattro anni, con un tasso mai così basso da un decennio a questa parte.
Pubblicato il: 07/02/2013

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud