Logo ImpresaCity.it

Visa: consumi europei ancora in discesa nel terzo trimestre 2012

Il Barometro dei Consumi di Visa Europe rileva che nel terzo trimestre dell’anno permane una contrazione dei consumi, seppure in rallentamento, rispetto allo stesso periodo del 2011.

Redazione ImpresaCity

I volumi di spesa per i consumi in Unione Europea registrano complessivamente un -1,6% nel terzo trimestre 2012 (luglio-settembre) anno su anno, continuando il trend negativo già rilevato nel precedente trimestre 2012 (-2.4%), ma indicando che il tasso di contrazione della spesa per i consumi del totale dei 27 Paesi dell’Unione sta rallentando. 
Nonostante la generale diminuzione della spesa nel trimestre, il Barometro di Visa Europe mostra che 16 Paesi hanno invece riportato una crescita dei consumi anno su anno, tra questi la Germania, la maggiore economia UE, con +0,8% rispetto a +0,4% nel secondo trimestre. Questo dato dimostra che il deterioramento dei consumi sta registrando un rallentamento.
Tuttavia, i consumi in altre maggiori economie europee registrano una marcata diminuzione con la Spagna a -5,3%, l’Italia a -4,6% e il Regno Unito a -3,3%, mentre la Francia riporta un lieve decremento con -0,6% rispetto al 2011. 
I Paesi UE dell’Europa Orientale proseguono il loro trend positivo di spesa per i consumi anche nel terzo trimestre 2012, in particolare la Lituania con una crescita a doppia cifra.
Altrove, gli stati più colpiti dalla crisi dell’Eurozona hanno registrato i peggiori risultati con Portogallo, Grecia e Irlanda che riportano una grave caduta dei consumi nel corso del periodo. 
La generale contrazione di spesa per i consumi rilevata dalle evidenze del Barometro di Visa Europe nel corso dell’anno trova riscontro anche nei dati del PIL dell’Unione Europea rilasciati da EuroStat. Le cifre preliminari per il terzo trimestre 2012 mostravano, infatti, il PIL in calo dello 0,4%.
Pubblicato il: 03/01/2013

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud