Logo ImpresaCity.it

Agenda digitale: ecco le ultime novità

Il decreto sviluppo ha ottenuto il via libera definitivo con il voto di fiducia della Camera.

Chiara Bernasconi

Il decreto sviluppo, fortemente voluto dal Ministro dello sviluppo economico Corrado Passera, ha ottenuto il via libera definitivo con il voto di fiducia della Camera.
Il Ministro, ha così dichiarato: “Nel corso del 2013 l'economia italiana tornerà al segno. Dall'Ocse viene la riprova che il ciclo si è modificato. Un anno fa avevamo davanti a noi un andamento peggiore dell'anno precedente, un anno da almeno -2%. Adesso abbiamo davanti un anno dove verosimilmente si tornerà al segno positivo. Col rischio che abbiamo corso è un buon risultato. L'impegno a creare le condizioni favorevoli alla crescita questo governo, insieme al Parlamento, l'ha rispettato. Ci siamo dati un'agenda, mese per mese, l'abbiamo rispettata quasi alla lettera e magari qualcosa riusciamo ancora a farla con i decreti attuativi. Abbiamo affrontato tutti i nodi che sono alla base della mancanza di crescita: dall'energia alla burocrazia, dalle liberalizzazioni all'agenda digitale, dalle infrastrutture allo sblocco dei pagamenti. Non c'è una singola cosa che può bloccare la crescita bisogna affrontare tutte le ragioni accumulate in anni e che hanno impedito la crescita. Sono cose profonde e difficili, non affrontate per tanto tempo e che non daranno risultati immediati. Molte saranno a beneficio dei prossimi anni, ma finalmente sono state sbloccate”.
Di seguito sono riassunte alcune delle misure contenute nella nuova legge sviluppo:
- documento digitale unificato: carta d'identità e tessera sanitaria vengono accorpate in un unico tesserino elettronico. I cittadini potranno inoltre indicare un indirizzo di posta elettronica certificata per comunicare con la PA.
- biglietto bus elettronico: il ticket dei mezzi pubblici potrà essere pagato anche con i cellulari avvalendosi del credito telefonico.
- fascicolo sanitario e ricetta elettronici: la storia dei pazienti sarà raccolta in un unico fascicolo elettronico. Anche la cartella clinica diventerà digitale. Addio al foglietto rosso: le ricette e le prescrizioni mediche saranno solo elettroniche e valide a livello nazionale.
- obbligo generico accanto a farmaco di marca: nella ricetta dovrà sempre essere indicato il principio attivo dei farmaci, anche quando il medico sceglierà di prescrivere una griffe.
- libro online: l'introduzione, prevista originariamente a partire dall'anno scolastico 2013-2014, slitta al 2014-2015.
- digital divide: nel 2013 sono stanziati 150 milioni di Euro per il completamento del piano nazionale banda larga e per portare internet veloce su tutto il territorio nazionale.
- detrazioni Irpef per investimenti in start up: la detrazione per il 2013, 2014 e 2015 è pari al 19% della somma investita.
- credito di imposta Ires-Irap per le infrastrutture: la norma serve a favorire la realizzazione di nuove infrastrutture giudicate strategiche, di importo superiore ai 500 milioni. L'agevolazione arriva ad un massimo del 50%.
- bancomat dal 2014: dal primo gennaio 2014 è previsto l'obbligo per commercianti e professionisti di accettare pagamenti elettronici.
- Rc auto: il contratto di assicurazione non può essere stipulato per oltre un anno e non può essere tacitamente rinnovato. Presso l'Ivass viene creta una centrale antifrode.
- zone franche urbane: agevolazioni fiscali arrivano per le imprese che investono in città del Sud.
- mini-proroga per le spiagge: le concessioni in scadenza nel 2015 si allungano di 5 anni, fino al 2020, nonostante il parere contrario di governo e Ue.
- riforma delle banche popolari: viene mantenuto il voto capitario come principio di democrazia economica. Ampliato il limite del possesso azionario per le persone fisiche che passa da 0,5% a 1% del capitale sociale della banca.
- fondazioni-Cdp: il conguaglio che le Fondazioni dovranno versare al Tesoro per la conversione delle azioni privilegiate Cdp in ordinarie avverrà a rate e con una diluizione della loro partecipazione dal 30% al 20%. Dalla discesa delle Fondazioni il Tesoro incasserà 750 milioni di euro.
- ponte Stretto: il decreto è confluito nello sviluppo. Si delineano le prossime mosse della Società Stretto di Messina per una valutazione del progetto definitivo. Si inserisce l'informativa alle commissioni parlamentari per eventuali indennizzi nel caso in cui l'opera non venga realizzata.
Pubblicato il: 18/12/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud