Logo ImpresaCity.it

CA, nuova versione della soluzione CA ERwin

La versione aggiornata della soluzione di data modeling CA ERwin offre un ambiente di data modeling collaborativo per la gestione dei dati aziendali.

Chiara Bernasconi

CA ha annunciato una nuova versione della sua soluzione di data modeling CA ERwin, che permette alle organizzazioni di migliorare la qualità dei dati e ridurre i costi attraverso una visualizzazione unificata degli asset di dati strategici.
Questa versione aggiornata, la seconda in meno di un anno, offre un ambiente di data modeling collaborativo per la gestione dei dati aziendali tramite un'interfaccia grafica intuitiva.
Contribuisce a migliorare il riutilizzo dei dati, ottimizzare la qualità dei sistemi, accelerare il time-to-benefit e implementare una governance delle informazioni adeguata.
CA ERwin r9 include funzionalità di collaborazione con miglioramenti significativi (lato "back-end" con un repository di modelli ridefinito, e lato "front-end" con miglioramenti al portale Web) che consentono agli utenti non specializzati in ambito tecnico di eseguire importanti aggiornamenti sui metadati incentrati sul business.
Inoltre, supporta policy di sicurezza aziendale e protocolli standard del settore come Ldap. Queste nuove funzionalità permettono a diversi team di business e utenti IT di collaborare più facilmente per applicare standard, valutare l'impatto del cambiamento e gestire le risorse di dati in modo più efficace. 
CA ERwin ha ottenuto numerosi premi per l'innovazione e il valore di business innovation da parte di periodici e riviste quali SD Times, SQL Server Magazine e Visual Studio Magazine.
È stato anche il vincitore della categoria generale dei "Riding the Crest" Awards di TechExtend per 13 anni di seguito.
CA ERwin è disponibile esclusivamente attraverso i partner di canale globale.
Pubblicato il: 22/10/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud