Logo ImpresaCity.it

Smau, Formigoni: sosteniamo le Pmi per favorirne l'innovazione

L'agenda digitale di Regione Lombardia nei prossimi anni si concentrerà tra l'altro su abolizione del digital divide e potenziamento delle infrastrutture tecnologiche.

Autore: Redazione ImpresaCity

Abolire il digital divide, potenziare le infrastrutture tecnologiche, promuovere la ricerca e l'innovazione. È l'agenda digitale di Regione Lombardia, illustrata dal presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, in occasione dell'inaugurazione a Milano della 49a edizione di Smau.
Il pubblico dello Smau è composto da imprenditori e manager, dopo che, nel 2007, l'evento fu dedicato al mondo del business. Ed è alle imprese che Formigoni parla, indicando i tre impegni più recenti presi per sostenere l'innovazione, a testimonianza del fatto che, per la Lombardia, la ricerca e l'innovazione rappresentano "un elemento centrale intorno al quale costruire la propria strategia e le proprie politiche":
1) l'apertura del bando regionale 'Voucher ricerca e innovazione e contributi per i processi di brevettazione' rivolto a micro, piccole e medie imprese;
2) l'Accordo di programma triennale sottoscritto con la Fondazione Cariplo, proiettato verso l'Expo 2015;
3) l'Accordo quadro sottoscritto con il Consiglio nazionale delle ricerche da 20 milioni di euro nel biennio 2013-2014 per lo sviluppo di programmi di ricerca in Lombardia.
Agli impegni recenti si affiancano quelli assunti in passato prossimo: "Nel solo biennio 2009-2010 - ha sottolineato Formigoni - abbiamo messo in campo 85 milioni di euro, generando una leva di 190 milioni di euro in investimenti". Per un'istituzione pubblica avvalersi delle nuove tecnologie digitali, sia nei propri processi interni che nel modo di rapportarsi con la cittadinanza - ha proseguito il presidente - "significa offrire servizi sempre migliori alle imprese e ai cittadini".
All'orizzonte italiano si somma quello europeo. Vale per i protagonisti dell'Ict presenti allo Smau, impegnati in una sfida globale. E vale anche per la Regione Lombardia e, in particolare, per la programmazione settennale dell'Unione europea: "Regione Lombardia - ha spiegato Formigoni - ha seguito e continua a seguire il percorso di definizione delle iniziative europee per l'innovazione e, in particolare, i contenuti del nuovo Programma europeo di ricerca e innovazione".
Il programma metterà a disposizione oltre 80 miliardi di euro per il periodo 2013-2020. A queste risorse si aggiungono altri 8 miliardi a disposizione nel VII Programma quadro nel 2012 e 10 miliardi per il 2013.
"Per questo - ha concluso Formigoni - abbiamo lavorato, perché nei piani europei venissero recepite anche le peculiari esigenze italiane, tra le quali spiccano quelle di un maggior coinvolgimento delle piccole e medie imprese, che spesso erano tagliate fuori dai bandi".
Pubblicato il: 18/10/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza