Logo ImpresaCity.it

Vivoli (Confesercenti): “Chi pagherà l’accorpamento degli enti previdenziali?”

Massimo Vivoli, vice presidente vicario della Confesercenti: "Non possiamo che confermare la preoccupazione, già manifestata in passato, sull’operazione di accorpamento".

Redazione ImpresaCity

“Non discutiamo l’esigenza di contenimento della spesa che ha ispirato l’accorpamento degli enti previdenziali, ma non vorremmo che a farne le spese fossero, ancora una volta, i lavoratori”.
E’ quanto afferma Massimo Vivoli, vice presidente vicario della Confesercenti e presidente della Fipac, l’organizzazione dei pensionati della confederazione.
“Ha ragione il presidente dell’Inps, ‘non si scherza con le pensioni e con i pensionati’ e per questo sarebbe il caso di dimostrare, dati alla mano, l’infondatezza dell’allarme sul rischio che l’intero sistema pensionistico frani sotto il peso del disavanzo patrimoniale Inpdap. Occorrerebbe rassicurare i lavoratori, pubblici e privati, che per tutta la vita hanno versato i contributi previdenziali – aggiunge Vivoli - sulla certezza di una pensione a fine carriera. Occorrerebbe garantire loro che non saranno chiamati ad un aumento della contribuzione per riempire i buchi creati da altri. Sarebbe infatti inaccettabile che toccasse a loro pagare  il conto di una eventuale evasione contributiva da parte della Pubblica Amministrazione”. 
“Noi – conclude il presidente della Fipac – non possiamo che confermare la preoccupazione, già manifestata in passato, sull’operazione di accorpamento, ribadendo nel contempo la richiesta di un maggior coinvolgimento delle Parti sociali in questa vicenda”.
Pubblicato il: 04/10/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud