Logo ImpresaCity.it

Kroll Ontrack: il 50% delle aziende ha perso email e documenti

Secondo una nuova indagine realizzata da Kroll Ontrack, circa il 50% delle aziende ha perso email e documenti impiegando almeno mezza giornata di lavoro per recuperarli.

Chiara Bernasconi

Lo scorso anno, circa la metà delle aziende ha perso dati dalle due applicazioni di gestione email e contenuti aziendali più usate al mondo, Microsoft Exchange Server e Microsoft Office SharePoint Server, mentre il 59% ha impiegato almeno una mezza giornata lavorativa per recuperarli.
Ciò è quanto emerge da una recente analisi condotta da Kroll Ontrack su un campione di 326 individui, tra manager IT, ingegneri e forza vendita proveniente da aziende multinazionali.
Nell’ultimo anno, il 42% delle aziende ha perso almeno una volta i dati da Exchange o SharePoint, mentre il 25% ha subito più perdite.
Il grado di gravità della perdita dei dati è stato differente: il 20% delle aziende l’ha classificata a un livello uno, ossia una grave interruzione, analogamente al blocco di un sistema, il 16% ha dichiarato che la sua perdita era di livello due o interruzione rilevante, mentre il 37% l’ha classificata a un livello tre di interruzione occasionale e il 18% a un livello quattro di interruzione minima.
Alla domanda circa il tempo impiegato per recuperare i dati a seguito delle più recenti perdite in Exchange e SharePoint, il 59% delle aziende ha risposto di aver impiegato almeno una mezza giornata e il 14% parecchi giorni, mentre il 5% ha dichiarato di non esserci mai riuscita.
Per ripristinare i dati, il 26% ha affermato di aver utilizzato un backup esistente seguito da un 21% che ha dichiarato di essersi avvalso di competenze all’interno dell’azienda. Il 18% invece è riuscito a ricrearli e il 14% ha utilizzato un software per il recupero dati.
Il 60% degli intervistati ha risposto che la perdita dei dati ha comportato un impatto finanziario di 50mila dollari o più, mentre il 3% ha subito una perdita superiore a 1 milione di dollari.
Come affermato precedentemente, lo studio ha coinvolto 326 individui: il 57% era composto da personale IT, il 17% da ingegneri, il 14% era rappresentato da forza vendita, il 4% dalla funzione marketing e il restante 8% è stato identificato come appartenente ad altre categorie.
Pubblicato il: 02/11/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud