Logo ImpresaCity.it

Gartner, i fornitori di servizi IT investono in strutture offshore

I fornitori di servizi IT stanno investendo in strutture offshore in tutto il mondo, al fine di soddisfare le esigenze delle multinazionali.

Chiara Bernasconi

Un recente studio di Gartner rivela che i fornitori di servizi IT stanno investendo instrutture offshore in tutto il mondo, al fine di soddisfare le esigenze delle multinazionali.
Oltre alle 30 sedi leader a livello mondiale identificate da Gartner, gli analisti hanno affermato che altri 50 paesi hanno iniziato a creare un ambiente attraente per le imprese in Paesi a basso costo.
Attualmente, il 63% degli acquirenti di servizi IT ha scelto le località latino-americane, il 55% utilizza luoghi nell'area Emea e il 63% luoghi nell'area Asia/Pacifico.
Gli acquirenti dell'Europa occidentale utilizzano prevalentemente l'India (35%), la Polonia (21%),
il Brasile (18%) e la Cina (16%).
Ian Marriott, Research Vice President di Gartner, ha così dichiarato: “I fornitori stanno iniziando a de-focalizzare ulteriori investimenti in India e mirano a creare una massa critica in un certo numero di questi centri. Ciò permetterà loro di creare una rete di distribuzione globale attraverso una combinazione di metodologie, strumenti, processi e procedure, per fornire capacità di trasmissione senza soluzione di continuità e in linea con i propri clienti, ovunque essi si trovino”.
Per determinare l'efficacia della distribuzione globale di un modello di fornitore di servizi, Gartner utilizza 10 criteri fondamentali: la gamma di servizi, la qualità e la professionalità, l'esperienza nel settore, la rispondenza, l'innovazione, i prezzi, il processo di erogazione e le metodologie, la conoscenza di gestione, le pratiche contrattuali, la flessibilità commerciale e la maturità.

Pubblicato il: 02/11/2012

Tag:

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce