Logo ImpresaCity.it

Credito: nell'ultimo anno le imprese hanno ricevuto 30 mld in meno

A livello regionale le realtà imprenditoriali più colpite dalla stretta creditizia sono state quelle ubicate in Molise (-6,68%), in Sardegna (-5,15%), in Calabria (- 5,11%) ed in Umbria (-4,44%).

Autore: Redazione ImpresaCity

Nell'ultimo anno le imprese italiane hanno subito una riduzione dei prestiti bancari per un importo complessivo pari a 30,4 miliardi di euro.
A livello regionale le realtà imprenditoriali più colpite dalla stretta creditizia sono state quelle ubicate in Molise (-6,68%), in Sardegna (-5,15%), in Calabria (- 5,11%) ed in Umbria (-4,44%).
Sono questi  i dati emersi da una analisi sul credit crunch realizzata dalla CGIA di Mestre su dati della Banca d'Italia.
"E' vero che è in calo anche la domanda di credito, tuttavia un crollo nelle erogazioni di queste dimensioni – sottolinea Giuseppe Bortolussi della CGIA di Mestre – sta mettendo a dura prova la tenuta finanziaria soprattutto delle piccole e micro imprese".
Ma a preoccupare la CGIA è anche un altro aspetto che costituisce una vera e propria anomalia tutta italiana:"Quasi l'80% degli impieghi alle imprese non finanziarie – prosegue Bortolussi – va al 10% dei migliori affidati, ovvero alla migliore clientela. Qualcuno, giustamente, potrebbe obiettare che è giusto così. I soldi devono andare a chi è solvibile. In realtà quando vai a misurare le sofferenze bancarie, vale a dire la capacità di restituire il prestito ricevuto nei tempi e nei modi prestabiliti, ci accorgiamo che in capo a quel 10% pesa quasi l'80% delle insolvenze totali. Insomma, i soldi vanno a pochi che non sono per niente affidabili, penalizzando così la quasi totalità delle imprese, vale a dire l'altro 90%, che riceve le briciole, pur dimostrando di essere solvibile".
"Se poi – prosegue l'analisi della CGIA – focalizziamo  l'attenzione su chi costituisce quel 10% di clientela "privilegiata", non incorriamo in errori  se si afferma che quasi sicuramente non è costituita da artigiani, da negozianti o da piccoli imprenditori."
"Senza correre il rischio di essere smentiti – conclude Bortolussi – questo 10% è riferibile a quei pochi grandi gruppi e società industriali che sono rimasti nel nostro Paese. Infatti, non è un caso che nei consigli di amministrazione dei principali istituti bancari, che controllano buona parte del mercato del credito, siano seduti i big delle nostre grandi imprese  o i liberi professionisti e i manager a loro riconducibili. Potrà sembrare eccessivo, ma è evidente che le  piccole imprese,  sempre più a corto di liquidità, stanno finanziando indirettamente quelle più grandi".
Pubblicato il: 10/09/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza