Logo ImpresaCity.it

Oggi verranno spenti i server DNSChanger; non e' l'Apocalisse

Se il vostro computer e' caduto vittima del virus DNSChanger, oggi potreste perdere l'accesso a Internet. Ma e' semplice verificare e prevenire.

Marco Passarello

Oggi, a causa di un'operazione dell'FBI, la polizia federale statunitense, decine di migliaia di utenti potrebbero perdere l'accesso a Internet fino al momento in cui non si saranno liberati di un virus che infetta i loro computer.
Si tratta del virus DNSChanger che, come il nome suggerisce, altera l'accesso ai DNS, cioè a quei server in cui è registrata la corrispondenza tra le URL dei siti e il loro indirizzo IP.
In pratica, se il vostro computer era infettato dal virus, poteva capitarvi di digitare l'indirizzo corretto e di venire invece indirizzati su un sito pubblicitario. Questo perché il vostro computer andava a consultare un DNS creato dai pirati invece che quello corretto.
I pirati sono stati sgominati mesi fa, e l'FBI ha sostituito i loro DNS truffaldini con altri corretti, avvisando gli utenti di Internet di verificare la presenza del virus.
Ora però l'FBI ha deciso di spegnere i DNS sostitutivi. Questo significa che tutti coloro che, a causa del virus, se ne servono non riusciranno più ad accedere a Internet finché non avranno liberato i computer dall'infezione.
Va detto però che nel descrivere la situazione la stampa generalista ha usato toni eccessivamente allarmistici.
Non sarà l'Apocalisse di Internet: ad avere problemi sarà soltanto una piccola percentuale di utenti e, se il vostro computer ha un antivirus aggiornato, non dovreste avere alcun timore.
Inoltre è possibile verificare lo stato del vostro computer utilizzando l'apposito sito di Telecom: se apparirà il messaggio riprodotto in basso, potete stare tranquilli: non vi accadrà nulla.
oggi-verranno-spenti-i-server-dnschanger-non-e-l-a-1.jpg
Pubblicato il: 09/07/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud