Logo ImpresaCity.it

Canone, Confartigianato: la Rai tartassa le imprese

Confartigianato denuncia: "Solleciti di pagamento del canone anche a imprese che non posseggono radio e tv".

Redazione ImpresaCity

In questi giorni milioni di imprenditori italiani stanno ricevendo solleciti per il pagamento del canone Rai.
A sollevare la questione è Confartigianato, che denuncia come, nella maggior parte dei casi, tali solleciti sono illegittimi perché rivolte ad aziende che non possiedono apparecchi radio-televisivi e quindi non devono pagare alcun abbonamento.
"Non bastavano il pagamento dell'Imu, dell'Irpef e delle altre imposte - afferma l'organismo in una nota -. La Rai, insomma ci riprova. A febbraio aveva tentato di far pagare il canone alle imprese anche per il possesso di computer, tablet e smartphone, ma aveva dovuto fare dietrofront dopo la protesta delle Organizzazioni imprenditoriali e l'intervento del Ministero dello Sviluppo Economico. Ora tenta di nuovo di ‘fare cassa', imponendo il pagamento del canone indiscriminatamente a tutti gli imprenditori, dando per scontato che posseggano uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive".
"Un comportamento assurdo e illegittimo – sottolinea Confartigianato - che costringe gli imprenditori a dover dimostrare alla Rai di non possedere radio e tv, con un ulteriore adempimento burocratico".
"Pagare il canone Rai – conlude Confartigianato – è un obbligo per tutti coloro che in azienda posseggono radio e televisioni. Ma non accettiamo il metodo di ‘sparare nel mucchio' per rastrellare risorse. In questo momento di gravi difficoltà per i nostri imprenditori, di tutto abbiamo bisogno tranne che di altri oneri e di adempimenti burocratici così pesanti e ingiustificati".
Pubblicato il: 11/07/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud