Logo ImpresaCity.it

Cgia Mestre, l'Imu pesa troppo sulle aziende

L'allarme della Cgia: la nuova imposta causerà un aumento medio delle tasse sui fabbricati di 1159 euro. Questo rischia di "mettere in ginocchio molte piccole imprese".

Autore: Redazione ImpresaCity

Sono ben 1.159 euro: questo l'aumento medio delle imposte sui fabbricati a carico delle attività economiche dovuto all'Imu, calcolato dalla Cgia di Mestre
Un aumento che, a detta del segretario Giuseppe Bortolussi, "rischia di mettere in ginocchio molte piccole imprese".
L'importo, spiega l'istituto, è stato calcolato ipotizzando che l'aliquota Imu – applicata agli uffici, ai negozi commerciali o ai capannoni produttivi presenti su tutto il territorio nazionale – sarà del 7,6 per mille.
Per l'Ici, invece, si è deciso di far ricorso all'aliquota media nazionale applicata dai Comuni nel 2009: ovvero il 6,4 per mille. Inoltre, si è tenuto conto anche della rivalutazione dei coefficienti moltiplicatori che vengono applicati alle rendite catastali che, per effetto del decreto "salva-Italia", sono passati da 34 a 55 per i negozi e le botteghe, da 50 a 80 per gli uffici e gli studi privati, da 100 a 140 per i laboratori artigianali e da 50 a 60 per i capannoni industriali e gli alberghi.
Prendendo in considerazione solo gli immobili produttivi di proprietà delle aziende l'applicazione dell'Imu, rispetto all'applicazione dell'Ici, darà luogo ad un aggravio della tassazione così suddiviso: 569 euro pro azienda in capo a negozi e botteghe; 949 euro per ciascun proprietario di ufficio o studio privato; 1.566 euro su ogni capannone industriale/artigianale.
"Il risultato emerso da questa elaborazione - conclude Bortolussi - ha confermato la grande preoccupazione sollevata in questi giorni da molti osservatori: se non saranno introdotte delle modifiche applicative, le imprese ed i liberi professionisti subiranno un aggravio fiscale difficilmente sostenibile".
Pubblicato il: 19/06/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza