Logo ImpresaCity.it

Censis, la crisi colpisce i distretti industriali

Il 67% dei distretti in ripiegamento di fronte alla crisi. Buone le esportazioni, ma non recuperano produzione e occupazione. Secondo il Censis è necessario svecchiare i distretti industriali e accelerare sulla ristrutturazione delle aziende.

Redazione ImpresaCity

Il 67% dei distretti industriali italiani sta attraversando una fase di ridimensionamento dovuta alla crisi economica.
Questo il risultato principale emerso da un'indagine effettuata dal Censis su 28 distretti industriali nell'ambito della terza edizione dell'Osservatorio Nazionale Distretti Italiani, presentato dalla Federazione dei Distretti Italiani.
Dallo studio emerge che l'inversione del ciclo economico attesa per il 2011 non c'è stata.
Per il 70% delle aziende le esportazioni sono tornate ai livelli precedenti il 2008, per la produzione e l'occupazione si è ancora lontani da un recupero delle posizioni perse negli ultimi quattro anni.
I distretti industriali guardano sempre più a mercati lontani, dalla Cina all'India, da Hong Kong alla Russia. Ma sul fronte interno il problema occupazionale è solo la punta dell'iceberg, la spia delle difficoltà dei distretti produttivi di reinventarsi come rete saldamene legata al territorio.
Emergono altri problemi: dalla difficoltà di creare vere opportunità di lavoro per le generazioni più giovani alla disponibilità di un sistema che permetta la formazione e il rafforzamento delle competenze professionali, fino a un consolidamento della cultura d'impresa come strumento per affrontare la crescente complessità dei mercati.
La crisi economica sembra aver rimesso al centro il tema del ruolo di accompagnamento di molti soggetti intermedi. Nelle opinioni raccolte dal Censis, appaiono labili i rapporti tra il sistema d'impresa e le istituzioni locali, come le camere di commercio, gli istituti di ricerca e le università.
"Da tenace sostenitore del localismo d'impresa quale sono – ha commentato Giuseppe De Rita, presidente del Censis – mi rendo conto che ragionare sulla base di categorie interpretative di dieci o anche solo di cinque anni fa rischia di farci perdere la capacità di comprendere le esigenze di questi territori produttivi che hanno contribuito alla crescita del Paese. Il problema oggi non è solo quello di sostenere le aziende nel mettere in atto strategie di mercato innovative per trovare mercati sempre più lontani – ha continuato De Rita –, ma è anche quello di riorganizzare gli equilibri interni dei territori".
«Negli anni della crisi è mancata una reazione forte – ha aggiunto Giuseppe Roma, direttore generale del Censis, commentando i risultati della ricerca ‒. Bisogna accelerare sulla ristrutturazione delle aziende e su una immagine meno stanca e stereotipata dei distretti. Non possiamo fermarci alle sole valutazioni tradizionali. Le reti d'impresa restano una ottima soluzione per problemi del passato come la piccola dimensione aziendale. Il futuro si aggredisce scommettendo sui nuovi settori emergenti dell'high-tech, soprattutto digitale, con nuovi prodotti e allargando la geografia dell'export in nuovi mercati ‒ ha proseguito Roma ‒. Paradossalmente, i distretti industriali creeranno nuovo sviluppo solo se i servizi terziari diventeranno più competitivi".
Pubblicato il: 16/02/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud