Logo ImpresaCity.it

Banda ultra larga, Regione Lombardia stringe accordo con Metroweb e F2i

L'intesa con Metroweb e F2i è finalizzato allo studio di un percorso comune di cablaggio da svilupparsi nei principali capoluoghi di provincia lombardi.

Autore: Redazione ImpresaCity

La Regione Lombardia ha annunciato di aver stretto un accordo di collaborazione pubblico-privato con due colossi della fibra ottica e del mondo imprenditoriale - Metroweb e F2i - al fine di avviare su vasta scala la diffusione della banda ultra larga.
L'intesa è stata siglata dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, dal presidente di Metroweb, Franco Bassanini e dall'amministratore delegato del Fondo F2i, Vito Gamberale, alla presenza dell'assessore regionale all'Ambiente, Energia e Reti, Marcello Raimondi.
L'accordo di collaborazione è finalizzato allo studio di un percorso comune di cablaggio da svilupparsi nei principali capoluoghi di provincia. "L'esperienza maturata da Metroweb a Milano - ha spiegato Formigoni - primo grande progetto organico realizzato in Italia nell'ambito delle reti di nuova generazione, le eccellenti performance di F2i in ambito infrastrutturale, unitamente alla capacità di Regione Lombardia di fare da cerniera con i Comuni, le Province e le altre istituzioni del territorio, daranno impulso allo sviluppo del progetto per individuare la strada per rivoluzionare l'accesso al web e ai servizi che esso offre".
E' un percorso che la Lombardia ha iniziato già nel 2010, cercando di capire quale sarebbe stato il modo migliore per realizzare un'infrastruttura passiva in fibra ottica secondo un modello "Fibra a Casa" (Ftth, Fiber To The Home) per 167 comuni ovvero 4,2 milioni di cittadini lombardi, per un investimento complessivo di 1,2 miliardi di euro.
"Nel luglio del 2011 - ha detto ancora Formigoni - abbiamo verificato l'inopportunità di avviare un progetto unico con tutti gli operatori delle telecomunicazioni e abbiamo dunque deciso di seguire questa nuova strada".
L'accordo - come ha ricordato Raimondi - si colloca in un quadro di impegno di Regione Lombardia per la digitalizzazione che è partito dall'eliminazione del digital divide (entro l'anno tutti i cittadini lombardi avranno l'accesso all'Adsl) e sta proseguendo ora lungo 3 direttrici:
- l'inserimento della digitalizzazione e della banda ultra larga nel progetto di legge sullo sviluppo e la ripresa economica, che la Giunta ha appena varato;
- il lancio dell'Agenda Digitale Lombarda per rendere sempre più accessibili via web i servizi della Pubblica amministrazione;
- il piano di potenziamento dell'infrastrutturazione del territorio tramite fibra, valorizzando le sperimentazioni già avviate, o pronte a partire, in alcune aree della Lombardia. In particolare sul lato infrastrutturale, la strategia lombarda prevede di avviare quattro piste di collaborazione con il privato per definire modelli di intervento che siano poi replicabili a largo raggio.
Per questo sarà ulteriormente implementata la convergenza tra rete fissa e rete mobile tramite la diffusione delle nuove tecnologie Lte (Long Term Evolution, o di quarta generazione) sui cellulari.
E' poi in fase avanzata di studio un progetto pilota per procedere alla sostituzione, completa e graduale, dalla rete in rame con una nuova rete in fibra ottica.
Inoltre è già stata individuata un'area industriale dove promuovere lo sviluppo di una rete in fibra ottica che possa supportare da un lato le imprese a migliorare la propria produttività e competitività e dall'altro consentire al territorio di diventare sempre più attrattivo. Le associazioni di categoria e le imprese chiedono infatti un intervento che possa dare nuovo impulso all'economia e che possa consentire di competere con le aree più industrializzate dell'Europa e del mondo.
Pubblicato il: 08/02/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud