Logo ImpresaCity.it

Alfresco Enterprise si ripaga in 10 mesi

Secondo uno studio condotto da Forrester Consulting, il cliente tipico di Alfresco ha stimato che la piattaforma Alfresco Enterprise si ripaga nel giro di 10 mesi e offre un Roi del 53% in tre anni.

Redazione ImpresaCity

Alfresco ha reso noti i risultati di uno studio condotto da Forrester Consulting per conto dell'azienda, che determina l'impatto economico globale della piattaforma di content management Alfresco Enterprise.  
Lo studio mette in luce i vantaggi e il Roi di Alfresco comparandoli con i costi di spesa IT e di training, e si basa sull'analisi di quattro grandi implementazioni.
Le implementazioni prese in esame riguardano sia nuovi prodotti che la sostituzione di soluzioni Ecm proprietarie come Documentum e FileNet.
Lo studio premia la piattaforma Alfresco Enterprise per la sua flessibilità nell'integrazione e il supporto agli standard aperti, così come i benefici legati all'eliminazione dei costi di licenza e mantenimento.
Nello specifico, il cliente tipico di Alfresco ha stimato che il software si ripaga nel giro di 10 mesi e offre un Roi del 53% in tre anni.  
Come parte dello studio, Forrester ha sviluppato il Framework Total Economic Impact (Tei), che fornisce una metodologia testata per le aziende interessate a fare un assessment totalmente informato e a prendere decisioni di acquisto consapevoli mentre lavorano alla selezione di una piattaforma di enterprise content management adatta alle loro esigenze specifiche.
Lo studio completo  "The Total Economic Impact Of Alfresco Enterprise Content Management Solution", è disponibile a questo link, ed è possibile approfondirlo nel corso di un webinar previsto per il 1° febbraio 2012, con la presenza del consulente di Forrester Sebastian Selhorst.  
Per registrarsi al webinar, visitare questo link.
Pubblicato il: 03/02/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud