Logo ImpresaCity.it

Unioncamere: 152mila nuove assunzioni entro marzo, ma l'occupazione cala

Gli ultimi dati sull'occupazione di Unioncamere prevedono 152mila assunzioni entro marzo: una su tre è indirizzata a giovani under 30. Il saldo occupazionale resta però negativo di 75mila unità.

Redazione ImpresaCity

152 mila entrate di personale dipendente programmate dalle imprese dell'industria e dei servizi tra gennaio e marzo, circa 60mila in più di quelle rilevate per l'ultimo trimestre dello scorso anno.
Si tratta, tuttavia, in larga parte di riattivazioni di contratti in scadenza a fine 2011 o di assunzioni in sostituzione di analoghe figure che hanno interrotto (anche solo temporaneamente) il loro rapporto di lavoro.
A realizzarle saranno quelle oltre 107mila imprese che, nonostante lo scenario congiunturale, legano il rinnovamento o l'espansione della base occupazionale all'andamento della domanda estera (sono circa 25mila le imprese esportatrici che assumono) e alla realizzazione di nuovi prodotti o servizi (quasi 32mila imprese hanno innovato e programmano, nell'immediato, nuove assunzioni).
A prevederlo è il Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro, che per la prima volta nell'analisi riguardante i programmi occupazionali delle imprese dell'industria e dei servizi, introduce per il I trimestre 2012 un nuovo elemento di conoscenza: le uscite di personale dipendente attese nello stesso periodo, pari a 227.500 unità.
A seguito di tali uscite, si determina un saldo negativo di 75mila unità, equivalenti a un calo dell'occupazione dipendente nell'industria e nei servizi dello 0,7%.
Oltre 52mila assunzioni (il 34,2% del totale) nel I trimestre dell'anno sono esplicitamente orientate verso giovani al di sotto dei 30 anni, ma a questi se ne potrebbero aggiungere molti altri tra i circa 60 mila assunti senza indicazione di età.
Tuttavia, salvo qualche eccezione (rappresentata dai tecnici amministrativi, finanziari e bancari, nonché informatici e addetti al marketing e alle vendite), agli under 30 le imprese offriranno possibilità di lavoro soprattutto nelle professioni a minor contenuto tecnico-scientifico, come commessi di negozio e nella grande distribuzione, cuochi, camerieri e altre professioni turistiche, personale di segreteria, addetti alla gestione dei magazzini e, non da ultimo, come operai, in particolar modo nelle costruzioni e nelle attività metalmeccaniche.
Inoltre, per circa 25mila assunzioni programmate, pari al 16,5% del totale, sono ritenute più adatte figure femminili. Su una quota analoga si attesta anche la domanda di personale immigrato.
La sofferenza tocca soprattutto l'occupazione nelle piccole imprese, investirà in maniera più consistente il Mezzogiorno e interesserà soprattutto (ma non esclusivamente) i contratti a tempo determinato.  
"Per ridare slancio all'occupazione e agli investimenti, le imprese hanno bisogno di un credito accessibile", ha evidenziato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. "In questo delicata fase economica è anche indispensabile individuare percorsi adeguati per dare impulso ai consumi, puntando anzitutto sulla grande risorsa del turismo per attrarre flussi internazionali. Inoltre, per rilanciare la filiera delle costruzioni, nella quale Excelsior segnala una più significativa perdita di posti di lavoro, assai utile sarebbe puntare su investimenti diffusi nella green economy e nelle infrastrutture fondamentali".
Pubblicato il: 20/01/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud