Logo ImpresaCity.it

Cassa integrazione, tiraggio gennaio-ottobre 2011 al 47,8 per cento

Tra gennaio e ottobre 2011 sono state utilizzate solo 388 milioni di ore di cassa integrazione, sugli 812 milioni di ore autorizzate.

Autore: Redazione ImpresaCity

Si conferma sotto il 50% (è esattamente il 47,77%) l'utilizzo effettivo delle ore di cassa integrazione autorizzate rispetto a quelle richieste dalle aziende. 
È quanto emerge dagli ultimi dati sul tiraggio della Cig rilasciati dall'Inps, relativi al mese di ottobre.
In sostanza tra gennaio e ottobre 2011 sono state autorizzate 812 milioni di ore di Cig, ma ne sono state utilizzate 388 milioni.
"Nel periodo gennaio-ottobre 2011 sono diminuite le ore autorizzate di Cig confrontate con lo stesso periodo del 2010 – commenta il presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua - ed ha continuato  a comprimersi il tasso di utilizzo della cassa integrazione. Tutto lascia pensare che nel 2011 le ore utilizzate di Cig non saranno superiori a quelle utilizzate nel 2010".
Ipotizzando anche per i mesi di novembre e dicembre un trend simile allo stesso periodo dello scorso anno, con una percentuale costante tra ore autorizzate e utilizzate, le ore utilizzate nel 2011 non dovrebbero superare i 450 milioni, con una diminuzione di oltre il 25% rispetto a quelle utilizzate nel 2010.  
Mettendo a confronto le ore "consumate" tra il gennaio e l'ottobre del 2011 e quelle degli scorsi anni, si evidenzia che nel 2009 erano state 432 milioni a fronte di oltre 712 milioni di ore autorizzate, con una percentuale di utilizzo del 61%, mentre nel 2010 erano state utilizzate 473 milioni di ore a fronte di oltre un miliardo di ore autorizzate, pari al 46%.  
Dei 388 milioni di ore "consumate" nel 2011, 97 milioni riguardano la cassa integrazione ordinaria (52,43% rispetto ai 184 milioni di ore autorizzate), mentre 291 milioni di ore sono state utilizzate per la cassa integrazione straordinaria e per quella in deroga (46,40% rispetto ai 627 milioni di ore autorizzate).
Pubblicato il: 18/01/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza