Logo ImpresaCity.it

Confindustria digitale, partnership col Governo per la crescita

Nasce Confindustria Digitale, una nuova Federazione volta a promuovere il cambiamento che l'Ict può indurre nel Paese. Al Governo e alla Regioni sarà proposto un piano d'azione per raggiungere entro il 2013 gli obiettivi dell'Agenda digitale europea.

Autore: Chiara Bernasconi

Stefano Parisi ha presentato alla stampa Confindustria Digitale, la nuova federazione di cui è presidente e che raggruppa sotto un'unica rappresentanza industriale la filiera dell'Ict.
Quest'ultima è composta dal settore manifatturiero dell'informatica, delle telecomunicazioni e del consumer electronics, commercio all'ingrosso e al dettaglio di apparecchi ICT e consumer electronics, servizi di telecomunicazione, produzione di software, servizi informatici e internet, call center, assistenza e riparazione ICT e consumer electronics.
Parisi ha così dichiarato: "Confindustria Digitale si propone come partner del Governo e delle Regioni per promuovere in Italia l'economia digitale, passaggio fondamentale  affinché il Paese riprenda la via della crescita e dello sviluppo. Al percorso per raggiungere entro il 2013 l'equilibrio di bilancio va, perciò, affiancato un piano d'azione che entro 24 mesi traduca in misure concrete l'Agenda digitale, portando l'Italia in linea con gli obiettivi dell'Unione Europea. Confindustria Digitale è direttamente coinvolta nella definizione  e realizzazione del piano e nei prossimi  giorni ci proponiamo di incontrare il Governo per  illustrare le nostre proposte e le iniziative che intendiamo intraprendere. Non andremo a chiedere soldi pubblici, ma a proporci come soggetti attivi del grande cambiamento che l'Ict può indurre nel Paese e a offrire tutta la nostra collaborazione affinché lo sviluppo del digitale diventi una priorità anche del programma di governo, investendo le istituzioni centrali e quelle locali fino al più piccolo dei comuni italiani".
L'incontro ha rappresentato inoltre l'occasione per eleggere il Consiglio direttivo, l'organo che affiancherà Stefano Parisi alla guida della Federazione per i prossimi due anni. Oltre a Parisi e ai vicepresidenti Paolo Angelucci (presidente Assinform) e Cristiano Radaelli (presidente Anitec), il Consiglio  vede la partecipazione dei vertici dei principali gruppi internazionali e aziende nazionali del settore dell'Ict, per un totale di 30 consiglieri.
Confindustria Digitale è costituita da Assotelecomunicazioni-Asstel, l'associazione delle imprese di Telecomunicazioni, Assinform in rappresentanza  dell'Information Technology, Anitec che riunisce i produttori di tecnologie e servizi di Ict e Consumer Electronics, Aiip associazione degli Internet Provider, Assocontact, l'associazione delle imprese di contact center in outsourcing.
A Confindustria Digitale fanno capo imprese per un totale di oltre 250mila addetti che realizzano un fatturato annuo che supera i 70 miliardi di Euro.
Pubblicato il: 21/12/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud