Logo ImpresaCity.it

Symantec aiuta le aziende a costruire il loro cloud privato

Symantec annuncia la nuova versione dei propri prodotti di storage management e high availability, per aiutare le aziende IT a realizzare il Cloud privato basandosi sull'infrastruttura già esistente.

Redazione ImpresaCity

Symantec ha annunciato la versione 6.0 dei propri prodotti di storage management e high availability.
Grazie a questa versione, Symantec offre la possibilità alle aziende IT di costruire il proprio cloud privato trasformando l'infrastruttura pre-esistente.
Le aziende potranno gestire i propri servizi business end-to-end con elasticità, anche nel caso in cui il servizio si basi su molteplici tecnologie di virtualizzazione, sistemi operativi e piattaforme di storage.
Questa versione si trova in diversi prodotti del portafoglio Symantec tra cui Veritas Storage Foundation 6.0, Veritas Cluster Server 6.0, e Veritas Operations Manager 4.1.
In base ai dati emersi dalla Virtualization and Evolution to the Cloud Survey, il 67% dei professionisti IT e C-Level è poco fiducioso nel trasferire applicazioni mission-critical su un cloud ibrido/privato a causa dei requisiti richiesti dalle Sla per l'high availability.
Questa preoccupazione riguarda anche gli ambienti storage, con l'82% degli intervistati che ha indicato una maggiore accessibilità come obiettivo importante per decidere di implementare uno storage-as-a-service privato.  
Con Symantec le aziende IT possono costruire il proprio cloud privato intervenendo sugli investimenti che hanno già fatto per il loro data center. Grazie a questa versione, le aziende potranno:  
- Gestire i servizi di business end-to-end attraverso piattaforme eterogenee
- Implementare uno storage elastico e flessibile per supportare i carichi di lavoro del cloud
- Ridurre l'impatto dello storage attraverso la deduplica, la compressione e thin reclamation
- Utilizzare una singola console per un reporting intelligente e una remediation senza interruzioni.
La maggior parte delle applicazioni business-critical oggi ha più livelli con web, applicazioni, middleware e database appoggiati su molteplici server, piattaforme e ambienti sia fisici che virtuali e utilizzano diverse tipologie di storage. Mettere al sicuro l'accessibilità end-to-end dei servizi business al giorno d'oggi è una sfida. Le aziende IT hanno a che fare con molteplici strumenti, interventi manuali e con il coordinamento tra vari team nell'eventualità di un downtime, che questo sia pianificato o meno.  
Veritas Cluster Server 6.0 e Symantec ApplicationHA 6.0, con le nuove funzionalità Virtual Business Services (Vbs), sono studiati per fornire alta accessibilità in maniera continua e per ridurre la durata delle interruzioni di servizio per intere applicazioni business multi livello incapsulandole in un'unica entità. Gli amministratori potranno programmare avvio, arresto, test senza interruzioni e failover delle applicazioni multilivello nella loro interezza con un unico click - con conseguente capacità di recupero e di mobilità per il servizio business. Veritas Cluster Server fornisce il supporto per applicazioni out-of-the box più completo del settore, ed è disponibile sui maggiori sistemi operativi e sulle maggiori piattaforme di virtualizzazione, tra cui IBM AIX, HP-UX, Oracle Solaris, Linux, Microsoft Windows, e VMware.
Con la necessità di storage in crescita esponenziale, le aziende IT hanno bisogno di un nuovo approccio per gestire i propri ambienti in maniera flessibile e redditizia, mantenendo allo stesso tempo un alto livello di accessibilità per le applicazioni critiche. Questo approccio permette di avere la possibilità di aumentare e diminuire lo storage in maniera dinamica, ottimizzandolo in tempo reale, e permette inoltre di avere la flessibilità di scegliere il tipo di storage più adatto dal vendor più adatto. Inoltre, gli amministratori e i gestori dello storage hanno bisogno di strumenti che consentano di automatizzare la fornitura dello storage, i carichi basati sull'uso e il reporting sui data center con ambienti storage eterogenei.  
La suite di prodotti Veritas Storage Foundation permette ai gestori dello storage di scegliere la soluzione di hardware più adatta in base alle loro esigenze di storage e integra le funzioni avanzate degli array di storage. Storage Foundation 6.0 è studiata per supportare deduplica e compressione a livello di file system. Oltre al supporto per thin reclamation, storage tiering, ridimensionamento dinamico e migrazione smart, Storage Foundation è progettata con le funzionalità di ottimizzazione dello storage più complete per gli ambienti storage SAN block-based. Tutte queste funzionalità possono funzionare senza interruzioni delle applicazioni e con un impatto minimo sulla pianificazione automatizzata in base alle priorità I/O che distingue tra le applicazioni e le operazioni di manutenzione.
La suite Veritas Storage Foundation include Veritas Dynamic Multi-Pathing, Veritas Cluster File System e Symantec VirtualStore, con il supporto per le maggiori array di storage e le piattaforme dei sistemi operativi.                
Infine, Veritas Operations Manager (Vom) fornisce un'unica console di gestione per server fisici e virtuali che permette ai clienti di visualizzare, analizzare e controllare l'accessibilità dei servizi di business e gli ambienti di storage eterogenei sui data center.
Le aziende IT possono provvedere allo storage utilizzando dei template basati sulle policy e possono implementare chargeback basati sull'utilizzo delle applicazioni dello storage in tempo reale con Veritas Operations Manager Advanced. Veritas Operations Manager non si limiterà a fornire una vera e propria applicazione per visualizzare il disco dell'intera infrastruttura storage, ma permetterà anche agli amministratori di adottare delle azioni di recupero per ottimizzare e scalare l'utilizzo dello storage con Veritas Storage Foundation.
Pubblicato il: 25/10/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud