Logo ImpresaCity.it

Expo 2015, a fine ottobre il primo International Participants Meeting

Si terrà a Milano e a Como (Villa Erba) dal 25 al 27 ottobre la prima edizione dell'International Participants Meeting ad Expo 2015.

Redazione ImpresaCity

L'International Participants Meeting è uno dei più importanti appuntamenti che il Paese ospitante dell'Esposizione Universale deve organizzare in coordinamento con il Bie (Bureau International des Expositions) in tutti gli anni precedenti l'Evento del 2015.
Quest'anno Il Meeting si tiene a Milano e a Como (Villa Erba) dal 25 al 27 ottobre.
Si tratta di un momento decisivo per l'early engagement dei Partecipanti che avranno l'occasione di contribuire allo sviluppo del concept dell'Esposizione.
L'International Participants Meeting sarà anche il momento per presentare l'International Participants Guide, supporto fondamentale per i Partecipanti che, oltre ad avere un aggiornamento sullo stato di avanzamento del progetto, riceveranno le necessarie informazioni sulle modalità di partecipazione.
In vista del Meeting i Paesi sono stati incoraggiati a rispondere formalmente alla Lettera di Invito Ufficiale firmata dal Primo Ministro Italiano e ad oggi le adesioni sono più di 50.
Oltre ai Partecipanti Ufficiali (Paesi e Organizzazioni Internazionali), Expo Milano 2015 ha ritenuto opportuno estendere l'invito al Meeting anche a diverse categorie di Partecipanti Non Ufficiali, sempre più presenti nelle recenti Esposizioni Universali, invitando così i rappresentanti delle aziende, delle Associazioni della Società Civile, delle Regioni Internazionali e delle Istituzioni italiane.
Il Meeting è organizzato in sessioni plenarie sui contenuti generali dell'Evento aperte a tutti i Partecipanti e in workshop tecnici che riguardano le modalità di partecipazione e l'organizzazione dell'Esposizione.
Pubblicato il: 14/10/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud