LaMiaImpresaOnLine segnalata all'Antitrust

Assoprovider lamenta l'anticoncorrenzialità del servizio offerto alle imprese da Google in partnership con PosteItaliane, Register.it e Seat Paginegialle: esso rappresenterebbe un abuso di posizione dominante e un'intesa restrittiva della concorrenza.

Tecnologie
LaMiaImpresaOnLine lede la libera concorrenza all'interno del mercato internet? A scagliarsi contro il servizio è Assoprovider, che ne ha segnalato la presunta anticoncorrenzialità all'Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato
Il progetto LaMiaImpresaOnLine, lanciato nel maggio del 2011 e promosso da Google in partnership con PosteItaliane, Register.it e Seat Paginegialle, si rivolge a tutte le imprese italiane con l'offerta di un sito internet gratuito per 1 anno, implementato da diversi servizi anch'essi gratuiti o in convenzione forniti dai vari partner. 
Per Assoprovider è necessario da parte dell'Antitrust un accertamento sul servizio al fine di verificare la sussistenza della violazione degli articoli 2 e 3 della legge n° 287/1990 (abuso di posizione dominante e intesa restrittiva della concorrenza).
Secondo Assoprovider "non vi sono dubbi che il progetto in questione sia perfettamente in grado, come minimo, di alterare la libera concorrenza fra imprese, senza eliminarla forse, ma certamente limitandola fortemente. Viene impedita infatti l'entrata di potenziali concorrenti, e provocata l'uscita di quelli attuali mettendo a repentaglio la sopravvivenza stessa di un'intera categoria professionale (web agencies-web designer), oltre a quella di altre categorie connesse". E' facile comprendere come la "gratuità" dell'offerta sia determinante per chi, privo del peso di mercato di Google, Seat, Register.it e PosteItaliane, non può permettersi di attivare una simile pratica commerciale.
Per quanto riguarda l'abuso di posizione dominante, poi, per Seat "non si può negare la posizione di leadership nel proprio mercato di riferimento". Per quanto riguarda Google, prosegue Assoprovider, "l'abuso di posizione dominante è ancora più preoccupante se si considera che la percentuale di utilizzo di Google in Italia come motore di ricerca è del 92% - in Europa è addirittura al 95%".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Per una IT sostenibile

Speciale

Osservatorio Innovazione e Rilancio

Webinar

Dall’endpoint protection al servizio gestito: come evolve la cybersecurity

Webinar

Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale

E-Book

Le regole dell’ufficio ibrido

Calendario Tutto

Nov 30
WEBINAR FLOWEE - Incrementa il business dei tuoi clienti grazie ai processi collaborativi e alla gestione documentale di Flowee Pratica Digitale
Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori