Logo ImpresaCity.it

Istat, a giugno calano import ed export

Secondo dati Istat, a giugno calano sia le importazioni che le esportazioni italiane. Il disavanzo commerciale, in miglioramento, è pari a 1,8 miliardi di euro.

Autore: Redazione ImpresaCity

A giugno 2011 si registra un calo congiunturale sia per le importazioni (-4,1%) che per le esportazioni (-0,8%) italiane. La contrazione degli scambi è più intensa sul mercato comunitario e pari a -5,7% per gli acquisti e a -1,4% per le cessioni. A rendere noti gli ultimi dati sul commercio estero è l'Istat
In termini tendenziali, le variazioni sono pari all'8,1% per le vendite e al 3,2% per gli acquisti. Rispetto a quanto rilevato nei mesi precedenti il rallentamento appare netto per entrambi i flussi.
Guardando al risultato del secondo trimestre 2011, le esportazioni crescono in termini congiunturali dell'1% (+0,5% per i paesi Ue e +1,6% per quelli extra Ue), mentre le importazioni diminuiscono dello 0,4% (-0,2% per i paesi Ue e - ,5% per quelli extra Ue).
Il disavanzo commerciale di giugno è pari a 1,8 miliardi di euro, in miglioramento rispetto sia al mese precedente, sia a giugno 2010 (-3,2 miliardi).
Nei primi sei mesi dell'anno il deficit si attesta a 22,2 miliardi di euro, valore nettamente superiore a quello del 2010 (-15,4 miliardi). Il saldo non energetico è positivo (+3,3 a giugno e +10,3 nel semestre) e in aumento sul 2010.
A giugno i raggruppamenti più dinamici sono i prodotti intermedi (+9,5% all'export e +8,8% all'import), i beni strumentali all'export (+9%) e i prodotti energetici all'import (+13,7%). In calo le importazioni di beni di consumo durevoli (-19,7%) e strumentali (-10,8%).
Pubblicato il: 17/08/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud