Logo ImpresaCity.it

Gartner, pagamenti in modalità mobile in grande crescita

Secondo un rapporto Gartner, gli utenti che effettuano abitualmente pagamenti tramite dispositivi mobili sono in crescita e destinati a raggiungere i 141 milioni nel 2011.

Redazione ImpresaCity

Gli utenti che effettuano pagamenti in modalità mobile, a livello globale, supereranno nel 2011 quota 141,1 milioni, con una crescita del 38,2% rispetto ai 102,1 milioni dell'anno precedente. Ad affermarlo è Gartner, che ha diffuso un rapporto su questo mercato.
Il valore economico delle transazioni mobile dovrebbe raggiungere quest'anno quota 86,1 miliardi di dollari, il 75,9% in più rispetto al dato del 2010 (48,9 miliardi di dollari).
Sono previsioni importanti, che parlano di un mercato in forte crescita, ma secondo Gartner l'evoluzione si attesta comunque al di sotto delle previsioni.
In particolare "nei mercati in via di sviluppo, nonostante le condizioni favorevoli per i pagamenti mobile, la crescita non è forte come si era anticipato – afferma Sandy Shen, direttore di ricerca di Gartner – molti service provider devono ancora adattare le loro strategie ai requisiti locali, e i modelli di successo del Kenya e delle Filippine saranno difficilmente applicati ad altri mercati".
Le condizioni favorevoli di cui si parla sono l'alta penetrazione di dispositivi mobili e la bassa penetrazione, dall'altra parte, delle banche.
D'altro canto, "nei mercati sviluppati – prosegue Shen - le aziende stanno magnificando le prospettive del modello Near Field Communication (NFC) senza rendersi conto della complessità del servizio. Pensiamo che l'adozione massiva dei pagamenti Nfc si concretizzerà almeno tra quattro anni. La sfida più importante ora è cambiare le abitudini dei consumatori, convincendoli a pagare tramite telefonino invece che con contanti e carte".
Pubblicato il: 27/07/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud