Logo ImpresaCity.it

Fisco, arriva la Pec dedicata alle compensazioni Iva

L'Agenzia delle Entrate ha attivato un nuovo canale per dialogare con contribuenti e professionisti in tema di compensazioni Iva e rispondere ai quesiti degli operatori.

Autore: Redazione ImpresaCity

L'Agenzia delle Entrate ha comunicato l'attivazione di un nuovo canale per dialogare con contribuenti e professionisti in tema di compensazioni Iva e rispondere ai quesiti degli operatori, con la circolare n. 16/E, sciogliendo i dubbi e fornendo tutte le indicazioni per riparare a errori e dimenticanze. 
I contribuenti e i professionisti abilitati, dotati di posta elettronica certificata, possono scrivere a  dc.sac.compensazioni.ivaf24@pce.agenziaentrate.it per ricevere assistenza sulle compensazioni Iva.
In particolare, il canale è a disposizione per chiedere chiarimenti sullo scarto di pagamenti telematici eseguiti con compensazione di crediti Iva e segnalare l'avvenuta regolarizzazione, tramite ravvedimento, di indebiti utilizzi in compensazione.  
Se dall'attività di liquidazione emerge un credito maggiore rispetto a quello dichiarato e la dichiarazione relativa all'anno successivo è già stata presentata, è necessario "rigenerare" il maggior credito prima di poterlo utilizzare in compensazione.
Se, per esempio, il maggior credito Iva è relativo al 2008, il contribuente può presentare una dichiarazione Iva integrativa relativa all'anno 2009 (se la dichiarazione relativa al 2010 non è stata ancora presentata), oppure  esporre il maggior credito nella dichiarazione Iva relativa al 2010 (eventualmente correttiva di quella già inviata). In entrambi i casi, i contribuenti dovranno compensare in base alle regole stabilite dal Dl 78 del 2009.
Il testo della circolare è disponibile sul sito Internet dell'Agenzia delle Entrate, all'interno della sezione  "Provvedimenti, Circolari e Risoluzioni".
Pubblicato il: 21/04/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud