Logo ImpresaCity.it

Istat, a febbraio crescono fatturato e ordini industriali

Nel mese di febbraio il fatturato industriale è cresciuto dell'1,5% su mese e del 12,8% su anno. Gli ordinativi sono saliti dell'1,9% su mese e del 16,2% su anno.

Redazione ImpresaCity

A febbraio il fatturato dell'industria è aumentato dell'1,5% rispetto al mese precedente, con incrementi pari all'1,8% sul mercato interno e all'1,0% su quello estero. Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi di febbraio 2011 sono 20 come a febbraio 2010) il fatturato cresce in termini tendenziali del 12,8%. Lo rende noto l'Istat.
La variazione congiunturale degli ordinativi totali è pari a +1,9%, per effetto di una crescita dell'1,7% degli ordinativi interni e del 2,1% di quelli esteri. Nel confronto con il mese di febbraio 2010, gli ordinativi grezzi registrano una crescita del 16,2%.
Gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali del 2,8% per l'energia, del 2,0% per i  beni strumentali, dell'1,6% per i beni intermedi e dello 0,7% per i beni di consumo. All'interno di questi ultimi, i durevoli crescono del 4,5%, mentre i non durevoli registrano una variazione nulla. „
Nel confronto tendenziale, il contributo più ampio alla crescita del fatturato viene dalla componente relativa ai beni intermedi, sia per il mercato interno, sia per quello estero. 
I settori di attività economica per i quali si registrano, rispetto a febbraio 2010, gli incrementi maggiori del fatturato totale sono quelli della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+30,7%) e della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+25,5%). 
„ Per gli ordinativi, l'aumento tendenziale maggiore si osserva per la metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+34,0%).
Pubblicato il: 20/04/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud