Logo ImpresaCity.it

Sgravi alle reti d'impresa, ecco come accedere alle agevolazioni

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato una circolare che spiega alle aziende gli adempimenti da effettuare per accedere agli sgravi fiscali relativi alle reti d'impresa.

Autore: Redazione ImpresaCity

Il governo, nell'ultimo consiglio dei ministri, ha approvato la normativa sugli sgravi fiscali per le reti di impresa. Ma cosa devono fare le aziende per accedervi? A spiegarlo ci pensa l'Agenzia delle Entrate.
I modelli da compilare, con relativi tempi e modalità, sono stati approvati con due provvedimenti firmati dal direttore dell'Agenzia, che ufficializzano l'invito rivolto alle imprese a fare sistema. Un ulteriore provvedimento regola invece termini, modi e contenuto della trasmissione telematica dei dati relativi alle imprese per le quali è stata rilasciata l'asseverazione del programma comune di rete da parte degli appositi organismi. Il poker è completato dalla circolare n. 15/E, che fornisce i primi chiarimenti su come le imprese possono accedere all'agevolazione collegata ai contratti di rete.
In particolare, sono previste tre comunicazioni.
1. La prima, per la comunicazione dei dati necessari alla fruizione dei vantaggi fiscali – mod. RETI – dovrà essere inviata dalle imprese appartenenti alle reti d'impresa, dal 2 al 23 maggio 2011, 2012 e 2013 relativamente ai periodi d'imposta in corso, rispettivamente, al 31 dicembre 2010, 2011 e 2012. La trasmissione telematica deve essere effettuata utilizzando il software "AGEVOLAZIONERETI" (disponibile dal prossimo 20 aprile).  
2. La seconda, con la quale è comunicata l'idoneità dell'organismo ad asseverare, cioè validare, un determinato programma di rete, sarà inviata all'Agenzia delle Entrate dalle rispettive Confederazioni di rappresentanza datoriale, rappresentative a livello nazionale.
3. Infine, è prevista una terza comunicazione, concernente i dati delle imprese nei cui confronti è rilasciata l'asseverazione del programma comune di rete, che deve essere inviata telematicamente, via Entratel o  Fisconline, entro il mese di aprile dell'anno successivo all'avvenuta asseverazione, utilizzando anche i software di controllo messi a disposizione dall'Agenzia. Occhio alle dimensioni degli archivi, che non devono superare i 3 megabyte.
L'obiettivo dei contratti di rete è di sostenere le attività imprenditoriali. Come? Potenziando e incentivando specifiche forme di collaborazione reciproca tra le imprese in ambiti diversi e in vista della realizzazione di progetti comuni. A questo fine, la norma ha previsto un'agevolazione ad hoc, che prevede la sospensione dell'imposta sulla quota degli utili dell'esercizio che le imprese, che sottoscrivono un contratto di rete, scelgono di destinare a un'apposita riserva, destinandoli al fondo patrimoniale comune (o al patrimonio destinato all'affare).
Il plafond in favore delle reti è di 48 milioni di euro. Nel dettaglio, 20 milioni per l'anno 2011, annualità d'esordio dell'incentivo, e 14 milioni di euro per ciascuno degli anni 2012 e 2013.
Comunque, in relazione a ogni singola impresa, l'importo di utili che non concorre alla formazione del reddito non può superare il limite di 1 milione di euro.
Pubblicato il: 18/04/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud