Logo ImpresaCity.it

Per IDC il mercato smartphone è in crescita, Windows Phone 7 secondo nel 2015

La società di ricerche di mercato IDC ha diffuso le stime di vendita mondiali del settore smartphone durante il 2011. Entro la fine dell'anno ci sarà un incremento del 49,2% nelle vendite.

Autore: Redazione ImpresaCity

IDC (International Data Corporation) ha pubblicato i dati del mercato mondiale del settore smartphone, relative all'anno ancora in corso. Secondo quanto pubblicato il mercato subirà un incremento del 49,2% nelle vendite, soprattutto grazie ad una sempre maggiore disponibilità di nuovi dispositivi mobile. 
La percentuale sopra riportata, se tradotta in numeri ed unità, indica che circa 450 milioni di nuovi smartphone saranno venduti entro la fine dell'anno. Una cifra considerevole, rispetto ai 303,4 milioni del 2010. Inoltre questa percentuale è indicativa anche di un altro segnale evidente: l'incremento del mercato smartphone sarà di ben quattro volte quello relativo ai normali cellulari.
IDC ha avanzato anche alcune considerazioni a proposito dell'accordo fra Microsoft e Nokia per portare Windows Phone 7 sui dispositivi mobile della casa finlandese.
Secondo quanto avanzato da IDC, Windows Phone 7 potrebbe diventare il maggiore competitor di Android, destinato a ricoprire la posizione di vertice negli anni a seguire. Ad oggi il sistema operativo più utilizzato su smartphone è Android, con il 39,5%, al secondo posto c'è Symbian, con il 20,9%, terzo e quarto iOS e BlackBerry, rispettivamente con il 15,7 e il 14,9%, fanalino di coda è Windows Phone con uno share del 5,5%.
Questo è il quadro al momento, ma ben presto, secondo IDC, queste percentuali potrebbero cambiare: il 2015 sarà l'anno che decreterà l'uscita di scena di Symbian in favore di Windows Phone 7, che in breve potrebbe arrivare al 21%.

idc-1.jpg
Pubblicato il: 26/04/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud