Logo ImpresaCity.it

Rinnovabili, Rete Imprese Italia avanza quattro proposte

Dopo l'incontro con i ministri Romani, Prestigiacomo e Galan, il presidente di Cna Ivan Malavasi, a nome di Rete Imprese Italia, ha presentato quattro proposte sul tema degli incentivi al settore delle rinnovabili e al fotovoltaico.

Redazione ImpresaCity

Rete Imprese Italia (Cna, Confartigianato, Casartigiani, Confesercenti e Confcommercio) ha partecipato all'incontro con i ministri Romani, Prestigiacomo e Galan sul tema degli incentivi al settore delle rinnovabili e al fotovoltaico.
Di fronte alla necessità di intervenire in tempi brevi per ripristinare le condizioni di normalità nel settore Ivan Malavasi, presidente del Cna, a nome di Rete Imprese Italia, ha avanzato 4 proposte:
1) Immediata emanazione di una clausola di transizione che consenta di dare certezza agli investimenti in corso.
2) Definizione di nuovi obiettivi di potenza elettrica da fonte rinnovabile e da fotovoltaico in alternativa ai ventilati tetti alle risorse o alla potenza installata.
3) Salvaguardia soprattutto per i piccoli impianti di produzione "a tetto" delle famiglie e delle micro, piccole e medie imprese artigianali, commerciali, turistiche e dei servizi.
4) Razionalizzazione e riformulazione delle voci che nella bolletta elettrica sono destinate al finanziamento della gestione degli impianti. Si tratta delle risorse  destinate al CIP 6 e delle altre voci di spesa non necessarie, inclusa la rimodulazione della parte fiscale, che oggi grava soprattutto sulle piccole e medie imprese. Tutte queste risorse devono essere destinate al finanziamento di nuovi obiettivi di produzione da fotovoltaico, senza gravare ulteriormente sui costi sostenuti dalle famiglie e dalle piccole e medie imprese.
Il presidente Malavasi ha infine chiesto al Governo di stringere i tempi al massimo per dare una risposta alla grave situazione che stanno vivendo 85mila piccole imprese interessate alla produzione, installazione e commercializzazione degli impianti e della componentistica, con oltre 150mila addetti.
Pubblicato il: 22/03/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud