Logo ImpresaCity.it

Terremoto Giappone: Apple, Google, Microsoft e Facebook si mobilitano

In seguito al disastro che sta sconvolgendo il Giappone, il web si mobilita in soccorso alle vittime. Ecco le iniziative più interessanti, tra cui quelle di Apple, Google, Microsoft e Facebook.

Autore: Redazione ImpresaCity

A pochissimi giorni dai catastrofici eventi che stanno interessando il Giappone, il mondo della tecnologia e del web in particolare si è mobilitato per portare un aiuto concreto alla popolazione del paese asiatico.
Tutte le principali aziende che operano nel settore hanno aperto sui propri siti web delle aree dedicate alla raccolta dei fondi.
Apple ha predisposto sulla piattaforma iTunes la possibilità di donare un importo alla Croce Rossa compilando un apposito form. Microsoft ha deciso di devolvere una cifra pari a 100mila dollari per aiutare il popolo giapponese.
Anche su Facebook si stanno moltiplicando le iniziative volte a raccogliere fondi, sia attraverso le fanpage di organizzazioni umanitarie sia attraverso le applicazioni del social network. Ad esempio Zynga, software house protagonista indiscussa del gaming sul famoso social blu, ha comunicato che, attraverso il suo fondo di emergenza che si appoggia all'associazione "Save The Children", spera di arrivare a quota 2 milioni di dollari.
Il tutto attraverso l'acquisto di merci virtuali sui suoi giochi social più famosi: le patate dolci su CityVille, i ravanelli su FarmVille o le mucche su FrontierVille. I proventi derivanti dall'acquisto di questi "beni virtuali" saranno devoluti all'organizzazione umanitaria.
Sempre su Facebook sarà possibile donare un dollaro ogni volta che si si premerà il tasto "mi piace" sulla pagina dell'organizzazione umanitaria Explore.
Anche Google, dopo aver provveduto a mettere online nelle prime ore della crisi giapponese Person Finder, ha pubblicato una pagina web apposita, volta a portare un aiuto nella gestione dell'emergenza. Dalla stessa pagina web è possibile fare donazioni alla Croce Rossa giapponese.
Pubblicato il: 16/03/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza