Logo ImpresaCity.it

Google, un logo per fare gli auguri a tutte le donne

Il Doodle di oggi, Google lo dedica a tutte le donne visto che oggi, 8 marzo, è la loro festa. Auguri! Unisciti alle decine di migliaia di persone che si incontreranno sui ponti di tutto il mondo, dal Millennium Bridge di Londra al ponte di Brooklyn di New York, dal Golden Gate di San Francisco al ponte Grand Barriere che unisce Ruanda e Congo, per mostrare il tuo sostegno alla causa femminile e celebrare le conquiste delle donne.

Redazione ImpresaCity

Oggi, 8 marzo, è la Festa delle Donne e Google, come spesso accade in occasione di ricorrenze particolari, dedica il proprio Doodle a questa importante giornata di celebrazioni, facendo gli auguri a tutte le donne. 

google-oggi-un-logo-per-fare-gli-auguri-a-tutte-le-1.jpg
Cliccando sull'immagine del logo, inoltre, viene ricordato che oggi è anche il 100esimo anniversario della proclamazione della Festa Internazionale delle Donne e Google invita a donare un contributo a una delle tante organizzazioni che lavorano per migliorare la vita delle donne in tutto il mondo. 
Le associazioni a cui donare sono diverse e sono suddiviste in varie categorie, a seconda degli ambiti in cui operano: Pari opportunità, Sicurezza economica, Istruzione, Ugiaglianza e leadership, Salute, Sicurezza personale.
Per donare basterà inserire un qualsiasi importo nella casella sotto l'organizzazione preferita e poi procedere alla donazione attraverso Google Checkout.





Google sostiene anche l'iniziativa "Un ponte per le donne", che oggi porterà decine di migliaia di persone sui ponti di tutto il mondo, dal Millennium Bridge di Londra al ponte di Brooklyn di New York, dal Golden Gate di San Francisco al ponte Grand Barriere che unisce Ruanda e Congo, per mostrare il sostegno alla causa femminile e celebrare le conquiste delle donne.
Pubblicato il: 08/03/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud