Logo ImpresaCity.it

L'Italia ha il suo Mister Pmi, Giuseppe Tripoli

Giuseppe Tripoli è stato nominato responsabile per l'Italia per le piccole e medie imprese: il suo compito sarà salvaguardare gli interessi delle Pmi, che nel nostro paese rappresentano il 99% del tessuto produttivo.

Autore: Irene Canziani

Salvaguardare gli interessi delle piccole e medie imprese: questo sarà il compito del nuovo "Mister Pmi" appena nominato nel nostro paese. 
Il  Ministro  dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, accogliendo la richiesta del Vice Presidente della Commissione Europea, Antonio Tajani, ha infatti nominato Giuseppe Tripoli responsabile per l'Italia per le piccole e medie imprese.
Il nostro paese è il primo in Europa a nominare Mister Pmi, che lavorerà a stretto contatto con il responsabile europeo, Daniel Calleja Crespo.
Tra le sue funzioni principali, Tripoli dovrà curare gli interessi delle Pmi, favorendone il rapporto con le istituzioni e vigilando sull'applicazione delle normative nazionali ed europee, quali ad esempio lo Small Business Act.
L'Italia è il paese europeo che ha il maggior numero di Pmi, pari al 99% del proprio tessuto produttivo.
Tripoli, nato a Catania, è laureato in Giurisprudenza e da maggio 2009 è capo del Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico.
È stato segretario generale dell'Unioncamere dal 2001 al 2009 e in qualità di componente di Eurochambres (l'Organizzazione europea delle camere di commercio), si è a lungo occupato di internazionalizzazione.
Tra il 1999 ed il 2001 ha ricoperto l'incarico di vice segretario generale della Confcommercio, occupandosi della modernizzazione del settore distributivo e dei servizi, delle politiche territoriali, dei rapporti con le regioni e per la programmazione negoziata ed i fondi strutturali.
Pubblicato il: 02/03/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud