Logo ImpresaCity.it

Istat, a gennaio cresce il disavanzo commerciale extra UE

Nel mese di gennaio esportazioni +8,7%, importazioni +4,4%, ma si amplifica ancora il deficit commerciale con il paesi extra UE, ormai a quota -5,8 miliardi di euro.

Redazione ImpresaCity

Nel mese di gennaio 2011, il persistente disavanzo commerciale dell'Italia con i paesi extra UE si è amplificato notevolmente: dai meno 3,4 miliardi di gennaio 2010 ai meno 5,8 miliardi di gennaio 2011. Lo rende noto l'Istat.
A gennaio le esportazioni hanno registrato una crescita congiunturale dell'8,7%, superiore a quella delle importazioni (+4,4%), in presenza di livelli di interscambio sostanzialmente più elevati per i flussi in entrata. „
La crescita tendenziale è molto sostenuta per entrambi i flussi: +34,9% per le esportazioni e +46,2% per le importazioni.
Il comparto energetico registra a gennaio 2011 un consistente ampliamento del disavanzo (-5,6 miliardi rispetto a -3,8 di gennaio 2010), contribuendo per il 75% all'incremento del deficit complessivo.
Anche l'interscambio di prodotti non energetici contribuisce al saldo negativo della bilancia commerciale, passando dai 456 milioni di gennaio 2010 a meno 169 milioni di gennaio 2011.
I beni strumentali trainano la crescita tendenziale delle esportazioni di prodotti non energetici (+4 realizzando un saldo attivo di oltre 2,1 miliardi.
Per i prodotti intermedi si registra una crescita tendenziale delle importazioni (+73%) notevolmente più ampia di quella delle esportazioni (+31%) e deficit commerciale di quasi 1,9 miliardi di euro.
I mercati di destinazione più dinamici sono Stati Uniti (+64,9%), paesi Mercosur (+62,5%), Turchia (+45,5%), Russia (+45,2%) e Svizzera (+35,5% debole è la crescita verso paesi ASEAN e EDA.
Una crescita sostenuta delle importazioni interessa i paesi Mercosur (+73%), i paesi OPEC (+65,2%), la Cina (+52%) e gli Stati Uniti (+50,5%), mentre è relativamente più contenuta la crescita dei flussi in entrata dalla Turchia (+17,6%) e dal Giappone (+27,2%).
Pubblicato il: 22/02/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud