Logo ImpresaCity.it

Google dedica il logo di oggi allo scultore Brancusi

Il Doodle di Google di oggi è dedicato allo scultore romeno Constantin Brancusi, per festeggiare il 135° anniversario della nascita.

Redazione ImpresaCity

Come sempre più spesso sta capitando negli ultimi mesi, anche questa settimana Google ha deciso di dedicare il suo logo del sabato ad un evento particolare o personaggio storico.
Così oggi il Doodle è dedicato al 135° anniversario della nasciata dello scultore romeno Constantin Brancusi, nato a Pestisani Gorj (Romania) il 19 febbraio 1876. 

google-si-trasforma-in-mecenate-e-dedica-il-logo-d-1.jpg
Brancusi è stato senza dubbio lo scultore più famoso del XX secolo e l'iniziatore della scultura moderna. Studiò scultura all'Accademia di Bucarest e lavorò poi a Vienna e Monaco (1899-1904). Successivamente si trasferì a Parigi, dove frequentò gli studi di Antonin Mercié e di Rodin.
Ebbe rapporti d'amicizia con Modigliani, Satie, Matisse, Rousseau, Fernand Légere e Duchamp; nel 1913 espose tre sculture alla mostra dell'Armony Show di New York. Dal 1914 al 1918 creò una serie di sculture il legno che testimoniano il suo interesse per il primitivismo.  
L'opera Il bacio (1908, Craiova, Muzeul de Artà) segnò una svolta antinaturalistica e antiromantica del suo lavoro, da allora orientato verso una stilizzazione delle forme in volumi chiaramente ed essenzialmente conchiusi.
Dopo la prima guerra mondiale accentuò nelle sue opere il gusto per l'astrazione, alla ricerca della forma-tipo, della forma genitrice.
Nel 1926,1928 e 1939 fu negli Stati Uniti. Nel 1937 tornò in Romania, dove eseguì sculture per il giardino pubblico di Târgu Jiu, e fu in India, dove progettò un tempio della meditazione per il maragià di Indore. 
Morì a Parigi il 16 marzo 1957.

google-si-trasforma-in-mecenate-e-dedica-il-logo-d-2.jpg







































Pubblicato il: 19/02/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud