Logo ImpresaCity.it

Gartner, mercato lento in Europa nel 2010

Secondo Gartner il quarto trimestre 2010 si è chiuso in calo. Scende l'interesse verso i netbook mentre si aspetta l'arrivo dei nuovi tablet.

Andrea Sala

Gartner ha divulgato recentemente i dati relativi al quarto trimestre dello scorso anno per il mercato dei Pc nell'area Emea
Il mercato ne esce in calo, con un -4,4% nelle vendite anno su anno, pari 19,4 milioni di unità.
Assieme ai dati del timestre è stato annunciato anche il report riguardante tutto il 2010: il settore si è chiuso con 46 milioni di pezzi venduti, senza, quindi, un cambio sostanziale rispetto al 2009. 
E' da considerare che Gartner non annovera i tablet nel mercato Pc, per ora.
A perdere di più nel 2010 è stato il settore consumer, con un preoccupante -8,1% nel Q4. Negli strascichi della recessione, ha influito molto la sterzata dei produttori verso i device emergenti nel mondo dell'informatica: tablet, console ed e-reader hanno attirato gli investimenti delle aziende produttrici, a discapito dei Pc.
Se il settore consumer piange, quello business non ride. Quest'ultimo, infatti, si è attestato a livelli in linea con il 2009, risultando stazionario.
HP torna al primo posto fra i produttori, con 4,2 milioni di unità vendute ma in calo dello 0,5%. Alle sue spalle troviamo Acer che scivola con poco più di 4 milioni di unità vendute e un -13,5%.
Il colosso asiatico avrebbe sofferto, secondo Gartner, un progressivo disinteresse nei confronti dei netbook e una sovraproduzione di quest'ultimi, rimasti invenduti in alcuni paesi.
La terza posizione è di Dell con 1,89 milioni di pezzi venduti e un -5,3%.
Per trovare aziende in crescita dobbiamo scendere al quarto e quinto posto, con Asus e Apple. Le due società hanno venduto rispettivamente 1,85 e 1,20 milioni di macchine, presentando un ottimo trend, in rialzo di oltre il 13%.
Pubblicato il: 11/02/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud