Logo ImpresaCity.it

Ericsson, tre primati mondiali per la tecnologia HSPA

Ericsson stabilisce un nuovo primato mondiale con la sua rete HSPA multi-carrier a una velocità di 168Mbps in downlink e 24Mbps in uplink.

Redazione ImpresaCity

In questi giorni sono stati raggiunti tre importanti traguardi nell'evoluzione dell'HSPA. A Stoccolma infatti, durante una dimostrazione live per l'operatore Singapore Telecommunications, Ericsson ha registrato tre nuovi record mondiali nell'ambito di questa tecnologia.
Durante la prima demo è stata illustrata una rete HSPA multi-carrier in grado di raggiungere una velocità di 168Mbps in downlink e 24Mbps in uplink utilizzando un prototipo di dispositivo consumer e apparati di rete commerciale. Ericsson ha così segnato il record mondiale di velocità per la rete HSPA su un'infrastruttura di rete commerciale. Questa demo sarà mostrata anche a Barcellona in occasione del GSMA Mobile World Congress.
Per la prima volta è stata anche effettuata una dimostrazione della tecnologia HSPA dual-carrier a 84Mbps utilizzando prodotti per rete commerciale. L'utilizzo di due carrier a 5MHz nella connessione con lo stesso consumatore ha consentito di raggiungere una velocità di 84Mbps, raddoppiando la velocità massima finora offerta dalle reti commerciali HSPA.
Il terzo primato mondiale consiste nella dimostrazione di una rete HSPA single-carrier a 42 Mbps utilizzando prodotti commerciali end-to-end che includono un dispositivo consumer. Con questa nuova tecnologia è possibile raggiungere una velocità di 42Mbps su un unico carrier WCDMA con frequenza a 5MHz utilizzando la tecnologia MIMO (multiple input, multiple output). Paragonata all'attuale tecnologia HSPA dual-carrier a 42Mbps, che Ericsson ha implementato per primo già nel 2009, la nuova soluzione permetterà agli operatori di migliorare la propria efficienza grazie a uno spettro radio ottimizzato.
Le prime implementazioni sulle reti commerciali della tecnologia HSPA single-carrier a 42Mbps e HSPA dual-carrier a 84Mbps sono previste durante il 2011, a cui seguiranno ulteriori implementazioni con soluzioni a velocità superiori.
Le velocità indicate fanno riferimento ai picchi raggiunti durante le demo. La velocità sperimentata dal consumatore finale sarà inferiore e soggetta a variazioni dovute alla congestione del traffico, alla distanza dalla stazione radio base, fattori locali, hardware, software e altre variabili.
Pubblicato il: 03/02/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud