Logo ImpresaCity.it

Google-ITA Software, il governo Usa potrebbe opporsi

Secondo il Wall Street Journal, il Dipartimento di giustizia americano starebbe preparando una causa per bloccare l'acquisizione di ITA Software da parte di Google: l'operazione potrebbe dare a BigG il monopolio della ricerca di informazioni turistiche online.

Andrea Sala

Il Dipartimento di Giustizia statunitense sta preparando i documenti per portare in tribunale Google e la sua proposta d'acquisto da 700 milioni di dollari per la società ITA Software, azienda che produce software per la ricerca di informazioni turistiche online.
Lo rivela il Wall Street Journal,
citando "persone vicine ai fatti". La testata ha riferito che gli avvocati del dipartimento di Giustizia avrebbero iniziato a preparare i documenti legali per una potenziale causa in tribunale contro l'affare ITA. Al momento, però, non è stata espressa alcuna intenzione a procedere.
Gli avvocati federali antitrust starebbero esaminando l'acquisizione di ITA - la cui tecnologia è alla base di molti siti web di viaggi - per valutare la possibile posizione di Google dopo l'operazione. Quello che si prospetta è un'accusa di monopolio.
Il Journal rivela che il governo dovrebbe decidere entro questo mese o all'inizio del prossimo mese se bloccare o meno l'accordo, accordo annunciato nel mese di luglio dello scorso anno.
Un gruppo società attive nel settore dei viaggi online ha già esortato le autorità degli Stati Uniti al fine di bloccare l'operazione: secondo loro Google guadagnerebbe troppo controllo sul ricco mercato in questione.
"L'acquisizione di ITA Software darebbe a Google il controllo sul software che è usato anche dalla maggior parte dei suoi avversari e potrebbe consentire a Google di manipolare e dominare il mercato dei viaggi aerei online", hanno dichiarato le società interessate.
I membri della cosiddetta coalizione "FairSearch.org" includono Expedia e i suoi marchi Expedia.com, Hotwire e TripAdvisor, Farelogix, Kayak e il suo marchio SideStep, e Sabre Holdings con il marchio Travelocity.
ITA è una società con 500 dipendenti con sede a Cambridge, Massachusetts, ed è specializzata nell'organizzazione di dati delle compagnie aeree, tra cui gli orari dei voli, disponibilità e prezzi dei biglietti.
Il suo strumento software QPX si avvale di algoritmi per combinare le informazioni di volo delle compagnie aeree, inclusi i prezzi e la disponibilità, per creare un database di ricerca.
QPX è usato da agenzie di viaggio online e compagnie aeree, dal motore di ricerca Bing di Microsoft, da Kayak, Orbitz e TripAdvisor, tanto per citarne alcuni.
Andrew Silverman, senior product manager di Google, ha respinto le affermazioni di FairSearch.org osservando che i tre maggiori siti di viaggio degli Stati Uniti - Expedia, Priceline e Travelocity - utilizzano prodotti di concorrenti di ITA.
Silverman ha inoltre sottolineato che Google non ha alcuna intenzione di vendere direttamente i biglietti aerei e non cancellerà gli accordi esistenti di ITA con i suoi clienti.
Pubblicato il: 14/01/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud