Logo ImpresaCity.it

Unioncamere, la ripresa soffia da Nord-ovest

Unioncamere annuncia le previsioni per il 2011: a trainare la ripresa sarà il Nord-ovest. Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e Friuli Venezia Giulia le regioni più veloci.

Autore: Redazione ImpresaCity

Sarà Il Nord-Ovest a suonare la carica della ripresa italiana nel 2011. Come evidenziano gli Scenari elaborati da Unioncamere e Prometeia, diffusi in occasione della 132ª Assemblea dei presidenti delle Camere di commercio, è qui, infatti, che la macchina dell'economia sembra destinata a procedere a passo più spedito, portando la macro area a incrementare il Pil dell'1,6%, contro una media nazionale prevista dell'1,3%.
Mentre nel 2010 il risveglio dalla crisi sembra aver interessato prima e con maggior intensità il Nord-Est (+1,8% l'aumento del Pil atteso per il 2010 a fronte di un incremento medio dell'1,2%), nel 2011 saranno infatti le regioni del Nord-Ovest quelle che, nel complesso, dovrebbero registrare le performance migliori, tallonate a brevissima distanza da quelle del Nord-Est (+1,5%).
Alle spalle della Lombardia, che dovrebbe "svettare" con un +1,8%, l'Emilia Romagna con l'+1,6%. Quindi, a pari merito, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia-Giulia, dove il Prodotto interno lordo dovrebbe crescere dell'1,5% nel 2011.
Decisamente più lenta la ripresa al Centro (+1,1%), dove solo le Marche potrebbero arrivare a superare, sebbene di poco, la media nazionale (+1,4%).
Passo lento e pesante, invece, quello del Mezzogiorno (+0,8%), con la Sicilia (+1,1%) che spinge più delle altre e la Campania (+0,5%) che invece fatica di più.
A spingere verso l'uscita dalla crisi a livello generale saranno soprattutto le esportazioni, che, dopo il sensibile recupero atteso per quest'anno (+7,3% il dato stimato per il 2010), dovrebbero proseguire la loro corsa nel 2011, mantenendo un ritmo di crescita ancora consistente (+5,2%). Le attese migliori si confermano quelle del Nord-Ovest (+6,1%), seguite da quelle del Nord-Est (+5,7%). Più debole la dinamica, invece, del Centro (+3,8%) e del Sud (+2,6%). Sarà la Lombardia a proseguire e irrobustire il percorso di recupero delle sue esportazioni rispetto al 2010: +7% l'aumento atteso nel 2011 dopo il 4,2% con il quale dovrebbe chiudersi il 2010. Alle spalle di questa regione e su valori superiori alla media nazionale si dovrebbero posizionare il Veneto (+6,3%), l'Emilia Romagna (+5,9%), la Calabria (+5,4%). Molise (0%) e Valle d'Aosta (+0,5%) mostreranno invece una sostanziale staticità.
A rendere meno incisivo il consolidamento della ripresa saranno però soprattutto i consumi interni, che in tutte le ripartizioni dovrebbero registrare nel 2011 incrementi piuttosto modesti (+0,7% il dato medio). Sopra la media si dovrebbero collocare soprattutto le regioni del Centro (+0,9%), seguite da quelle del Nord-Est (+0,8%). Tra le regioni, gli andamenti migliori sono attesi in Trentino-Alto Adige, Lazio ed Umbria (+1,0%). Sul fronte opposto, la classifica regionale vede Sardegna, Molise e Abruzzo nelle posizioni di retroguardia (+0,3%).
Sembrano destinati a continuare il loro percorso di risalita gli investimenti fissi lordi (+2,5% atteso nel 2011), rafforzando così il recupero previsto per il 2010 (+2,2%). Più sensibile la propensione ad investire delle regioni del Nord (+2,7% in entrambe le ripartizioni) seguite da quelle del Centro (+2,5%). Sempre distaccato invece il Mezzogiorno (+2,0%). A livello territoriale, emerge lo sforzo dell'Emilia-Romagna (+3,0%), inseguita da vicino da Piemonte e Lombardia (+2,8%). Sul fronte opposto si collocano invece Molise (+1,5%) e Calabria (+1,6%).
Pubblicato il: 17/12/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza