Logo ImpresaCity.it

Crack Parmalat, Calisto Tanzi condannato a 18 anni

L'ex patron di Parmalat condannato a 18 anni di reclusione per il crack del gruppo. Pene severe anche per il fratello Giovanni e per Fausto Tonna. Ma è già in vista l'appello.

Redazione ImpresaCity

Calisto Tanzi dovrà scontare 18 anni di reclusione. Si è chiuso ieri, presso il tribunale di Parma, il processo per il crack Parmalat.
Il reato contestato in questa sede è quello di bancarotta fraudolenta, mentre nello scorso mese di maggio Tanzi era stato condannato in appello a 10 anni di carcere per aggiotaggio e ostacolo agli organi di vigilanza (ma era rimasto libero in attesa del ricorso in Cassazione).
Insieme a lui sono stati condannati il fratello Giovanni Tanzi (dovrà scontare una pena di 10 anni) e Fausto Tonna (14 anni). Ma non solo: su 17 imputati sono state emesse ben 15 condanne.
Soddisfatto il team di legali di Gerardo Laguardia, procuratore capo di Parma, che subito dopo la sentenza ha commentato: "È stato riconosciuto il nostro impianto accusatorio. Possiamo ritenerci soddisfatti".
L'ex patron di Collecchio non era presente in aula, ma avrebbe commentato telefonicamente di non aspettarsi una "sentenza così severa": il suo avvocato Fabio Belloni ha confermato la sua impressione parlando di "una pena troppo dura" e annunciando l'intenzione di ricorrere in appello.
Secondo quanto disposto dal tribunale, a Parmalat, costituitasi parte civile, spetta il diritto a una provvisionale: il risarcimento del danno fino a 2 miliardi di euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 10/12/2010

Tag:

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy