Logo ImpresaCity.it

Home Office Day, Microsoft pro-telelavoro

In occasione del lancio di Lync, Microsoft ha indetto ieri l'Home Office Day: per un giorno intero i dipendenti hanno lavorato da casa. Segnale forte in favore del telelavoro, verso cui in Italia c'è ancora molta diffidenza.

Andrea Sala

Il primo giorno di dicembre 2010 è stato l'Home Office Day di Microsoft Italia, iniziativa voluta dalla compagnia in concomitanza con il lancio di Lync, piattaforma software di Unified Communication. Anche e sopratutto in ambito lavorativo.
Oltre che per lanciare Lync, l'Home Office Day è servito anche per sottolineare i benefici del telelavoro, benefici che Redmond conosce bene.
In più, sfruttando questa particolare modalità lavorativa, il dipendente è più efficiente, ha una migliore qualità della vita e riduce il proprio impatto ambientale in termini di CO2 emessa.
A tal proposito Pietro Scott Jovane, AD di Microsoft Italia, ha commentato "Il nostro obiettivo è quello di lanciare un messaggio a tutto il mondo produttivo, dimostrando come l'Home Office possa rappresentare una modalità efficace di lavoro e come la produttività non sia riconducibile alla contiguità fisica tra chi svolge una determinata mansione ed il diretto superiore. Le nuove soluzioni tecnologiche per la comunicazione a distanza, come ad esempio Lync che abbiamo appena lanciato, riducono i tempi e delocalizzano l'attività lavorativa per concedere più tempo alla vita privata, alle esigenze della famiglia, senza ridurre la produttività e senza dimenticare i benefici derivanti da una minore emissione di CO2, grazie alla riduzione dei viaggi e degli spostamenti".
L'iniziativa è stata estesa anche ai 25mila partner italiani che hanno potuto, purtroppo solo per un giorno, sperimentare cosa sia il lavoro da casa.
Pubblicato il: 02/12/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud