Logo ImpresaCity.it

Avaya, Vena è la nuova strategia di virtualizzazione

Avaya Virtual Enterprise Network Architecture (Vena) è una nuova architettura end-to-end per la semplificazione dei Data Center e del Campus Networking.

Redazione ImpresaCity

Avaya lancia Avaya Virtual Enterprise Network Architecture (Vena), una nuova architettura di Data Networking concepita per permettere alle imprese di beneficiare della virtualizzazione in modo semplice e meno costoso.
Questa tecnologia utilizza un nuovo tipo di architettura a livello enterprise grazie alla quale i responsabili IT ed i Cio potranno far fronte alla maggiore necessità di contenuti e di applicazioni per la business collaboration.
Avaya Vena lavora migliorando le tempistiche del servizio grazie all'ottimizzazione delle connessioni di rete tra i server applicativi e gli utenti finali. La connessione alle applicazioni è garantita dal desktop fino al data center. Questa procedura, assicura la società, comporta meno rischi per i Cio semplificando le procedure per il provisioning, riduce la necessità di riconfigurare la rete e rende disponibili nuovi ed efficienti strumenti a supporto del network management.
A supporto dell'architettura Vena, Avaya ha inoltre annunciato una serie di partnership con altre aziende: tra le altre, VMware; QLogic, attiva nel settore delle reti convergenti; Coraid, nelle soluzioni convergenti di archiviazione Ethernet San e Silver Peak Systems, e nell'ottimizzazione WAN dei data center.
Altre aziende hanno aderito al programma Avaya DevConnect, iniziativa volta a promuovere prodotti e soluzioni innovative di terze parti, che operano congiuntamente con le tecnologie Avaya.
Avaya Vena è basata su uno standard Open Industry, il che conferma la volontà dell'azienda di inseguire e costruire un ecosistema più ampio di collaborazioni tecnologiche a supporto delle infrastrutture.
Questo nuovo tipo di architettura ha come caratteristica una "Virtual Services Fabric" che estende la rete e rende possibile provvedere in modalità one-touch a tutte le funzionalità fornite dal Virtual Service Network. Questo tipo di architettura aumenta la flessibilità e la scalabilità, abilitando una infrastruttura che è in grado di creare "una cloud privata", un contenuto sempre disponibile ed un accesso alle applicazioni in maniera fortemente semplificata.
Tale approccio inoltre, protegge il Core Network delle aziende dagli errori, spesso costosi, degli utenti che sono abituati al complicato e macchinoso processo di richiesta, aggiunta o cancellazione delle applicazioni in un ambiente virtuale.
La Virtual Service Fabric di Avaya Vena è stata concepita sulla base dello standard IEEE Shortest Path Bridging, rendendo possibile una maggiore resilienza, semplicità ed una connessione affidabile che supporti in modo trasparente i servizi coesistenti.
La nuova architettura è supportata da Avaya Virtual Service Platform 9000 (Avaya VSP 9000), una piattaforma ideata  per implementare le nuove tecnologie 40/100G. Avaya Vena è anche supportato dai prodotti Avaya Ethernet Routing Switch 8600 e 8800.
Pubblicato il: 19/11/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud