Logo ImpresaCity.it

Brunetta: la riforma cambia la PA italiana

Renato Brunetta ha presentato il documento rilasciato dall'Ocse e intitolato "Modernising the Public Administration - A Study on Italy", illustrando le ricadute della sua riforma sulla pubblica amministrazione.

Redazione ImpresaCity

Che impatto ha avuto (e avrà) la riforma Brunetta sulla pubblica amministrazione italiana? Questo il tema al centro del documento OCSE "Modernising the Public Administration - A Study on Italy" presentato dal Ministro Renato Brunetta in occasione del convegno internazionale "Una riforma per la crescita".
Il documento verrà dibattuto a Venezia in occasione della riunione ministeriale dell'OCSE "Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government", in programma i prossimi 15 e 16 novembre.
"In questi due anni e mezzo, il Governo ha posto al centro della propria agenda programmatica la necessità, tra le altre, di ridurre il deficit e il debito pubblico e aumentare i tassi di crescita del Paese" si legge nell'intervento di presentazione del ministro.
In questi anni, spiega Brunetta, "abbiamo aumentato la produttività e l'efficienza della PA per poter conseguire una riduzione di spesa (necessaria) senza ridurre la quantità dei servizi erogati dallo Stato, anzi aumentandone la qualità".
Ed ecco i risultati: secondo i dati forniti dal ministero, il contributo della PA alle manovre di correzione dei conti pubblici (dal DL 112/2008 al DL 78/2010) è pari a circa 62 miliardi di Euro nel periodo 2008-2013, il che equivale a oltre il 4% della spesa annuale per personale e consumi intermedi.
Con il piano per la semplificazione amministrativa 2010-2012, inoltre, secondo Brunetta si verificherà un risparmio a regime pari a circa 17 miliardi di Euro annui. "L'attività, avviata nel corso del 2008, ha già prodotto tagli per oltre 5,5 miliardi di Euro all'anno" spiega.
Un'attenzione particolare, poi, a tutte quelle iniziative, quali Mettiamoci la Faccia, Linea Amica e Reti Amiche, che hanno il merito di aver "collocato il cittadino al centro del sistema".
Pubblicato il: 10/11/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud