Logo ImpresaCity.it

Cosmo SkyMed, rinviato al 2 novembre il lancio del satellite italiano

È stato rinviato a domani, ore 3:30, il lancio del satellite italiano Cosmo SkyMed. La decisione è stata presa dai tecnici per un problema tecnico all'interruttore del riscaldatore del serbatoio che contiene ossigeno liquido.

Redazione ImpresaCity

Il lancio del satellite italiano Cosmo SkyMed è stato rinviato ancora una volta di 24ore. È stato rinviato a domani, ore 3:30, il lancio del satellite italiano Cosmo SkyMed. La decisione è stata presa dai tecnici per un problema tecnico all'interruttore del riscaldatore del serbatoio che contiene ossigeno liquido.
Questo è l'ennesimo rinvio, dopo il precedente di 48 ore, quando eseguendo un controllo i tecnici hanno rilevato un difetto del nuovo sistema esterno per il caricamento del propellente.
Il lancio era previsto, in California, per le 4:28 della notte fra il 29 e il 30 ottobre (ora italiana). Ora, dunque, posticipato a domenica 31 ottobre.
"In ogni caso, la conferma definitiva della data ci sarà sabato, dopo un'ulteriore verifica da parte dei tecnici dell'Asi e della Boeing" ha detto Arnaldo Capuzi, direttore responsabile del settore tecnico del programma Cosmo SkyMed per l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), che ha poi aggiunto "Nel frattempo e' in corso il monitoraggio continuo del satellite, che gode di ottima salute così come il lanciatore".
Il progetto è stato realizzato grazie al contributo del Ministero per l'Istruzione, Università e Ricerca e ai finanziamenti di Asi e del Ministero della Difesa.
Il satellite è stato progettato e costruito dalle aziende Finmeccanica Thales Alenia Space, Selex Galileo e Telespazio.
Cosmo SkyMed raggiungerà altri tre satelliti già in orbita per il programma spaziale italiano Cosmo SkyMed 4 e permetterà al sistema di funzionare nel pieno delle sue potenzialità.
Pubblicato il: 01/11/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud