Logo ImpresaCity.it

Brunetta e Gelmini, dal 2011 i supplenti saranno convocati via SMS e PEC

Tra le iniziative di innovazione digitale in ambito scolastico presentate dai Ministri Brunetta e Gelmini, vi è la convocazione dei supplenti tramite SMS e messaggi e-mail sulla casella PEC dei docenti. La proposta entrerà in vigore nel 2011.

Redazione ImpresaCity

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione Renato Brunetta e il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Mariastella Gelmini hanno presentato nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi, le iniziative di innovazione digitale nell'ambito della scuola.
I ministri hanno ricordato l'esistenza del portale ScuolaMia (www.scuolamia.pubblica.istruzione.it), la piattaforma attiva dal mese di gennaio 2010 che permette alla scuola di erogare i servizi digitali alle famiglie degli studenti: pagella online, comunicazioni sulle assenze (anche tramite SMS), prenotazione dei colloqui con i docenti e richiesta di certificati.
La novità più importante riguarderà le chiamate per i supplenti.
Rispondendo a un preciso obiettivo di semplificazione del processo a carico delle segreterie scolastiche e poggiandosi sulla piattaforma Vivifacile (www.vivifacile.gov.it), a partire dal 2011 la convocazione dei supplenti avverrà in forma totalmente digitale attraverso l'invio di messaggi di avviso sul telefono cellulare e di una comunicazione mail sulla casella PEC del docente attraverso il servizio Postacertificat@.
Oltre alla semplificazione del processo, si otterrà una maggiore trasparenza con la completa tracciatura della convocazione e una riduzione delle spese di funzionamento telefoniche e postali.  
I risparmi si possono quantificare in più di 20 milioni di Euro annui per costi relativi a telefonate, fax, telegrammi e spese di personale da dedicare ad altre mansioni.

Pubblicato il: 01/11/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud