Logo ImpresaCity.it

Microsoft prepara nove bollettini per il Patch Tuesday del 14 settembre

Il prossimo Patch Tuesday di Microsoft si preannuncia corposo: per il 14 settembre sono pronti nove bollettini che risolveranno un totale di 13 vulnerabilità.

Redazione ImpresaCity

Il prossimo Patch Tuesday di Microsoft, fissato per il 14 settembre, si preannuncia piuttosto intenso. Da Redmond arriveranno nove bollettini di sicurezza che rimedieranno ad un totale di 13 vulnerabilità
Quattro bollettini copriranno falle critiche in Windows XP, Windows 2003 e Vista
Windows 7 e Windows Server 2008 R2 schivano 3 di queste vulnerabilità, mentre sono solo sfiorati da una quarta, classificata come "importante" e quindi non critica.
Gli utenti di Microsoft Office XP, 2003 e 2007 troveranno due aggiornamenti che rimedieranno a falle definite "importanti", mentre gli altri updates interverranno su bug considerati meno gravi.
Come al solito, l'annuncio di pre-allerta di Microsoft contiene pochi indizi sulle specifiche di cosa aspettarsi la prossima settimana ma questo non ha limitato per niente il dibattito nelle varie community.
"Mi aspetto che alcuni dei bollettini affrontino le questioni del DLL Hijacking nei prodotti Microsoft e sarà interessante vedere se la stessa azienda cambierà il suo orientamento nei confronti di Hotfix KB2264107", ha dichiarato Wolfgang Kandek, CTO di Qualys.
"Attualmente è solo a livello consultivo e gli utenti devono prendere una decisione attiva per avere protezione contro le DLL Hijacking nelle applicazioni di terze parti".
Il mese scorso, all'interno di quello che è stato ricordato come il Patch Tuesday con più contenuti, Microsoft ha rilasciato ben 15 bollettini, di cui nove contro bug critici. In totale, questi aggiornamenti affrontarono 35 vulnerabilità in Windows, Office e Internet Explorer.
Pubblicato il: 14/09/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud