Logo ImpresaCity.it

PA, arriva l'Albo Pretorio Digitale

A partire dal 2011 l'Albo Pretorio Digitale, modulo integrato nel software WebDoc, sostituirà definitivamente l'Albo cartaceo negli uffici pubblici.

Redazione ImpresaCity

Rivoluzione in vista nella pubblica amministrazione. A partire dal 1 gennaio 2011, l'Albo Pretorio Digitale sostituirà in maniera definitiva il vecchio Albo cartaceo esposto all'interno degli Enti Pubblici.
Il cambiamento è stabilito dalla legge n. 69 del 18 giugno 2009: l'obiettivo è quello di eliminare gli sprechi relativi al mantenimento dei documenti in forma cartacea e di facilitare l'accesso ai servizi erogati dalla pubblica amministrazione da parte dei cittadini e delle imprese secondo i criteri di efficienza, trasparenza e semplificazione previsti dal piano e-government.
Il modulo Albo Pretorio Online verrà integrato in WebDoc, il software di gestione documentale utilizzato da grandi aziende come Coop Italia e Ala, e consentirà la gestione e la pubblicazione web dei documenti dell'Albo Pretorio in modo organizzato e sicuro, rendendoli immediatamente consultabili ai cittadini sul sito web del comune.
L'Albo Pretorio On Line andrà ad integrarsi con i sistemi gestionali e amministrativi e con i siti istituzionali esistenti, senza stravolgere le abituali procedure, permettendo l'importazione automatica dei documenti già in formato elettronico e l'archiviazione dei documenti cartacei tramite scanner.
Sarà possibile pubblicare in tempo reale qualsiasi tipo di file o documento, delibere, ordinanze, atti protocollati, pratiche edilizie, notifiche, atti di anagrafe e stato civile, bandi di gara.
Ogni Ufficio potrà accedere ad una sua area separata in modo indipendente e protetto attraverso l'accreditamento con username e password, con abilitazioni impostabili e diversificabili in base alle competenze dei singoli utenti.
Pubblicato il: 01/09/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud