Logo ImpresaCity.it

Arabia Saudita ed Emirati bloccano i servizi del Blackberry

A causa di imprecisate "questioni di sicurezza nazionale", Arabia Saudita ed Emirati Arabi hanno deciso di bloccare tutti i servizi del Blackberry come mail, sms e internet. Già si parla di censura.

Redazione ImpresaCity

Dopo l'allarme partito ad aprile dal Bahrain, ora anche l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi hanno deciso di bloccare i servizi multimediali dei Blackberry come sms, mms, email e internet. La Commissione nazionale per le telecomunicazioni dell'Arabia Saudita ha comunicato in una nota la decisione di bloccare i servizi perché "contrastano con le leggi in vigore" e quindi rappresentano un problema di "sicurezza nazionale". In precedenza anche gli Emirati Arabi avevano deciso di bloccare i servizi multimediali dei Blackberry, a partire dall'11 ottobre.
Sotto accusa c'è il particolare funzionamento dello smartphone firmato Rim che, a differenza dell'iPhone e degli smartphone Nokia, immagazzinerebbe tutte le informazioni in server fuori dai confini dei singoli stati. "I dati - ha dichiarato il responsabile delle telecomunicazioni degli Emirati, Mohammed al-Ghanenm - vengono esportati fuori dai confini nazionali e possono essere utilizzati da stranieri per operazioni commerciali". Rim in pratica è l'unico fornitore di dati che esporta i propri dati off-shore e nega l'accesso delle autorità alle informazioni raccolte.
Anche l'India la scorsa settimana aveva minacciato Rim di bloccare i servizi del Blackberry per lo stesso motivo e aveva chiesto all'azienda canadese di mettere in funzione un server proxy nel paese per  consentire alle agenzie di sicurezza nazionali il monitoraggio dei dati degli utenti. Una richiesta per niente assurda visto che le comunicazioni vengono controllate anche negli Stati Uniti, dove il Patriot Act, approvato nel 2001 dopo i fatti dell'11 settembre, consente di intercettare, in caso di sospette attività terroristiche, sia le comunicazioni scritte che orali.
Tuttavia, secondo alcuni osservatori, la decisione dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi potrebbe in realtà nascondere la volontà dei governi di controllare in maniera più stretta il flusso di informazioni che circolano nei paesi. L'obiettivo sarebbe quello di sorvegliare e  magari reprimere i gruppi di attivisti che contestano la politica dei due governi e che spesso organizzano manifestazioni di protesta proprio attraverso il Messenger del Blackberry. 
Pubblicato il: 02/08/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud