Logo ImpresaCity.it

Epifani e Sacconi, botta e risposta sui licenziamenti Fiat

Guglielmo Epifani, segretario Cgil, ritiene i licenziamenti di Fiat un mezzo per "intimorire o colpire lavoratori e delegati". Sacconi gli risponde: "non siamo negli anni ‘70".

Redazione ImpresaCity

I licenziamenti operati da Fiat in questo periodo rappresentano uno "stillicidio di atti contro il buon senso e contro ogni misura" che rende difficile "non pensare ad un atto di ritorsione". Questa l'opinione di Guglielmo Epifani, segretario generale della Cgil, intervenuto ieri a commento dell'ennesimo licenziamento di un dipendente dell'azienda, nel caso specifico dello stabilimento di Termoli.
Accuse dure quelle di Epifani: "la mia impressione è che adesso la Fiat usi qualsiasi pretesto pur di provare ad intimorire o colpire lavoratori e delegati. E questo mi sembra inaccettabile nell'Italia e nell'Europa di oggi".
Il sindacato non può stare a guardare: ''dovremmo ricorrere alla magistratura – ha proseguito il segretario - perchè si tratta di casi che non giustificano provvedimenti così forti''.
Alla sua posizione ha risposto prontamente Maurizio Sacconi, ministro del lavoro, che rifiuta una tale lettura dei fatti: "non siamo più negli anni '70, una persona ha il diritto di scioperare ma non di impedire agli altri di lavorare. Non si può impedire la libera circolazione delle merci e bloccare le linee di produzione".
Pubblicato il: 22/07/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud