Logo ImpresaCity.it

UE: sì a Sky sul digitale terrestre

La Commissione Europea ha deciso: Sky potrà partecipare all'asta per il digitale terrestre. Ma Mediaset non ci sta.

Redazione ImpresaCity

Sky potrà partecipare all'asta per l'assegnazione delle frequenze per il digitale terrestre. Lo ha decretato ieri la Commissione Europea, sancendo così l'entrata di Murdoch e soci nel nuovo universo televisivo italiano.
L'emittente era inizialmente stata esclusa dalla piattaforma a causa dell'ingente quota di mercato detenuta sul satellite. Ma ora lo scenario è cambiato: la decisione dell'istituzione è dovuta ai "cambiamenti sopravvenuti nel mercato italiano".
L'entrata in pista di Sky "garantirebbe il mantenimento di un mercato competitivo in Italia e permetterebbe un aumento della concorrenza sul mercato della Tv digitale italiana" ha spiegato Jonathan Todd, portavoce della Commissione UE.
Sky dovrà però conformarsi a due vincoli: potrà vedersi assegnata una sola frequenza e potrà trasmettere solo canali in chiaro per i prossimi 5 anni, abbandonando le offerte a pagamento.
Mediaset, che fin dall'inizio si era opposta a questa ipotesi, non ha accolto favorevolmente la notizia, e ha già annunciato di voler fare ricorso alla Corte di Giustizia europea.
In una nota diramata in queste ore, la società si dice "assolutamente sconcertata della decisione presa oggi dalla Commissione Europea". "Riteniamo che le condizioni fissate dalla Commissione nel 2003 – prosegue il comunicato - che impedivano a Sky di entrare nella tv digitale terrestre sino al 2012 in virtù della sua posizione dominante sul mercato pay, siano ancora valide come del resto il market test svolto tra tutti gli operatori italiani ha sostenuto".
Pubblicato il: 21/07/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud